Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, Enel, Snam: aziende in fila per il bilaterale con la Russia
02/09/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Si è svolto venerdì a Cernobbio, il summit bilaterale durato oltre un’ora tra il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, e il vice primo ministro della Federazione russa Arkady Dvorkovich, con i vertici delle principali aziende italiane, quasi tutte controllate o partecipate dallo Stato: da Alessandro Profumo di Leonardo- Finmeccanica ad Emma Marcegaglia di Eni, da Francesco Starace di Enel a Stefano Cao di Saipem, e ancora Marco Alverà di Snam, Renato Mazzoncini di Ferrovie, Alessandro Zunino di Edison Energia. Dall’altra parte del tavolo erano presenti, tra gli altri, i presidenti di Av Todor, Eviva, Avelar Energy, Jsc Russian Railway. Un vertice inaugurato alla scorsa edizione del forum The European House - Ambrosetti a Villa d’Este e che già al suo secondo anno è considerato un appuntamento consueto di monitoraggio sulle relazioni Italia-Russia. Il lavoro dei grandi gruppi italiani insomma procede come da «business as usual». «Di sanzioni non si è affatto parlato», racconta Starace, «è stata un’analisi dei progetti in corso, un giro di tavolo. E il vice premier russo è intervenuto commentando i singoli dossier, era molto informato e puntuale su tutto. Noi abbiamo tanti progetti lì, il più importante è la costruzione di due grandi parchi eolici che abbiamo vinto e che vale circa 450 milioni di euro, e poi lo sviluppo dell’innovazione che abbiamo iniziato un anno fa nel tecnopark in Russia e che annunceremo in ottobre al forum dell’opening innovation nel Paese».

Fonte: Corriere della Sera – Fabrizio Massaro (pag. 41)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]