Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni-Enel costrette a emigrare per sfondare su gas e solare
01/09/2015 - Pubblicato in news nazionali

La scoperta del maxi-giacimento da 850 miliardi di metri cubi di gas al largo delle coste egiziane è stato festeggiato in borsa con un rialzo del valore dei titoli Eni. L’economista Giulio Sapelli, ha affermato che l’Italia è ora nella posizione di farsi promotrice di un’iniziativa volta a stabilizzare le forniture di gas nel Mediterraneo mediante la realizzazione di un gasdotto progettato da Eni nel 1993 per collegare l’Egitto al Libano attraverso il Sinai, Gaza e Haifa. Nel frattempo l’Enel, con Green Power, si è aggiudicata ieri in Brasile il diritto di sottoscrivere contratti ventennali di vendita di energia per un totale di 553 MW relativi ai nuovi progetti fotovoltaici di Horizonte MP, Lapa e Nova Olinda. L’articolo pone in evidenza come i due colossi energetici italiani siano costretti a ricercare risultati al di fuori dei confini nazionali, a causa dell’effetto nimby.

Fonte: Libero 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]