Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, Enel &Co: gli effetti sui consumatori
11/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

C’è “carbon tax” e “carbon tax” e se persino l’Amministratore delegato di Eni ne prende le difese la questione merita qualche approfondimento. Da almeno un paio d’anni Descalzi ne parla e sul punto ha anche affermato che “ci vuole una carbon tax, perché l’Ets non funziona”. Nel mirino del Cane a sei zampe c’è il carbone: un combustibile che resta il responsabile maggiore delle emissioni di CO2 ma che per la sua economicità e abbondanza è anche il maggior concorrente del gas naturale. C’è anche una sottostante strategia ambientale: il gas naturale dovrà servire da stampella per aiutare la transizione verso il futuro “low carbon” promesso dalle fonti rinnovabili. E un incremento di solo l’1% dell’uso del carbone, dice l’Eni, neutralizza una crescita delle rinnovabili del 10%. Per conciliare questa visione globale con le singole realtà nazionali, occorre trovare delle soluzioni. In Italia, ad esempio, sui carburanti come benzina e gasolio grava già un’imposizione fiscale del 65%, un’anomalia in Europa, che si traduce in una carbon tax implicita di 290 euro la tonnellata. Forse un po’ troppo per i consumatori.

Fonte: Corriere della Sera, l’Economia – Stefano Agnoli (pag. 54)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ruolo del gas cruciale per ridurre lo spread di prezzo con l’Europa

La transizione verso un’economia a ridotte emissioni è un’opportunità enorme per l’Italia a patto che il governo valorizzi il primato nazionale nell’uso del gas
[leggi tutto…]

Il Pniec alla prova della sostenibilità: le audizioni di Cib e Assocarta

Ieri si sono svolte in commissione Attività produttive le audizioni di Cib e Assocarta sul Pniec.
[leggi tutto…]

Gas, ancora fumata nera tra Mosca e Kiev

Ancora un nulla di fatto tra Russia e Ucraina nel nuovo trilaterale con la Ue su un nuovo contratto di transito del gas russo verso l'Europa
[leggi tutto…]