Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, Enel &Co: gli effetti sui consumatori
11/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

C’è “carbon tax” e “carbon tax” e se persino l’Amministratore delegato di Eni ne prende le difese la questione merita qualche approfondimento. Da almeno un paio d’anni Descalzi ne parla e sul punto ha anche affermato che “ci vuole una carbon tax, perché l’Ets non funziona”. Nel mirino del Cane a sei zampe c’è il carbone: un combustibile che resta il responsabile maggiore delle emissioni di CO2 ma che per la sua economicità e abbondanza è anche il maggior concorrente del gas naturale. C’è anche una sottostante strategia ambientale: il gas naturale dovrà servire da stampella per aiutare la transizione verso il futuro “low carbon” promesso dalle fonti rinnovabili. E un incremento di solo l’1% dell’uso del carbone, dice l’Eni, neutralizza una crescita delle rinnovabili del 10%. Per conciliare questa visione globale con le singole realtà nazionali, occorre trovare delle soluzioni. In Italia, ad esempio, sui carburanti come benzina e gasolio grava già un’imposizione fiscale del 65%, un’anomalia in Europa, che si traduce in una carbon tax implicita di 290 euro la tonnellata. Forse un po’ troppo per i consumatori.

Fonte: Corriere della Sera, l’Economia – Stefano Agnoli (pag. 54)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]