Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, Enel &Co: gli effetti sui consumatori
11/03/2017 - Pubblicato in news nazionali

C’è “carbon tax” e “carbon tax” e se persino l’Amministratore delegato di Eni ne prende le difese la questione merita qualche approfondimento. Da almeno un paio d’anni Descalzi ne parla e sul punto ha anche affermato che “ci vuole una carbon tax, perché l’Ets non funziona”. Nel mirino del Cane a sei zampe c’è il carbone: un combustibile che resta il responsabile maggiore delle emissioni di CO2 ma che per la sua economicità e abbondanza è anche il maggior concorrente del gas naturale. C’è anche una sottostante strategia ambientale: il gas naturale dovrà servire da stampella per aiutare la transizione verso il futuro “low carbon” promesso dalle fonti rinnovabili. E un incremento di solo l’1% dell’uso del carbone, dice l’Eni, neutralizza una crescita delle rinnovabili del 10%. Per conciliare questa visione globale con le singole realtà nazionali, occorre trovare delle soluzioni. In Italia, ad esempio, sui carburanti come benzina e gasolio grava già un’imposizione fiscale del 65%, un’anomalia in Europa, che si traduce in una carbon tax implicita di 290 euro la tonnellata. Forse un po’ troppo per i consumatori.

Fonte: Corriere della Sera, l’Economia – Stefano Agnoli (pag. 54)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]