Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Eni continuerà a crescere con il mini-barile”
13/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il Sole 24 Ore ha intervistato Emma Marcegaglia, presidente di Eni. La manager ha evidenziato come l’Eni di oggi sia molto diversa dal passato, capace di creare profitto e di continuare a crescere in uno scenario di prezzo del petrolio basso. La presidentessa ha posto l'accento sulla gestione di Descalzi. Il manager, fin dal suo insediamento, avrebbe portato all’attenzione del cda il cambiamento dell’organizzazione, il primo pilastro della svolta che ha portato l’azienda a diventare una compagnia integrata oil&gas focalizzata sull’upstream. Alla domanda relativa all'esistenza di ulteriori margini di manovra nell'eventualità che il prezzo del petrolio possa rimanere ancora agli attuali livelli, Emma Marcegaglia indica che dopo due tornate di riduzioni di costi e investimenti, Eni si è posta l’obiettivo, con uno scenario fissato a 50 dollari per il 2016, di riuscire a pagare tutti gli investimenti e, nel 2017, di riuscire a coprire sia investimenti che dividendi a 60 dollari. Anche con un greggio che veleggia sui 50 dollari, l’Eni avrebbe quindi una situazione di equilibrio finanziario e patrimoniale molto forte.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Celestina Dominelli (pag. 31)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]