Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni conferma la road map del progetto Octp in Ghana
04/11/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni conferma i suoi impegni in Ghana, uno dei paesi chiave per il suo business: ieri l’ad Claudio Descalzi è volato ad Accra per incontrare il presidente della Repubblica, Nana Addo Dankwa Akufo-Addo, e analizzare le iniziative avviate nel paese, dove il gruppo affianca alle attività operative anche programmi di accesso all’energia e di supporto socio-economico alle comunità locali. In Ghana, Eni ha avviato a maggio la produzione dell’Integrated Oil&Gas Development Project di cui detiene il 44,44%, mentre le restanti quote sono di Vitol (35,56%) e di Ghana National Petroleum Corporation (20%): il via è stato assicurato in soli 2 anni e mezzo, in anticipo di tre mesi rispetto al piano di sviluppo e con un time-tomarket record. Il progetto, situato in acque profonde nel bacino del Tano, mette in produzione i campi di Sankofa Main, Sankofa East e Gye-Nyame, che comprendono nel complesso volumi per oltre 770 milioni di barili di olio equivalenti, di cui 500 milioni di barili in posto e 270 milioni di barili equivalenti di gas non-associato (circa 40 miliardi di metri cubi). Secondo la fotografia diffusa ieri a valle dell’incontro, il ramp-up accelerato ha consentito di aumentare la produzione prevista nel 2017 da 2,8 a 5,2 milioni di barili e si stima che, entro fine anno, l’asticella tocchi il picco di 45mila barili al giorno.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & mercati – Ce. Do. (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]