Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni cerca la pace Cnpc-Exxon
14/02/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Dai rapporti diplomatici tra Cina e Stati Uniti dipende il destino di una delle operazioni-chiave della strategia di Eni: la cessione di un’ulteriore quota dei diritti di sfruttamento dell’Area 4, nel bacino di Rovuma, in Mozambico. Il partner cinese Cnpc infatti starebbe deliberatamente allungando i tempi per la firma della cosiddetta Fid, la decisione finale d’investimento, per Coral South, il primo dei giacimenti dell’Area 4 che verrà avviato a produzione. Il motivo secondo fonti finanziarie, sarebbe l’ormai prossimo ingresso di Exxon nel consorzio guidato da Eni (50%). La new entry statunitense in altre parole, non avrebbe il gradimento dei cinesi e senza il benestare di tutti i soci e con una firma mancante sulla Fid il Cane a sei zampe non può concludere la cessione. Cnpc è entrata a far parte del consorzio che sviluppa i giacimenti petroliferi supergiant del Mozambico nel 2013 e lo ha fatto esattamente come ora sarebbe in procinto di fare Exxon, ossia acquisendo una partecipazione da Eni East Africa, pari al 20% dei diritti sull’Area 4, con un esborso di 3,4 miliardi di euro. La quota destinata alla big oil statunitense sarebbe invece intorno al 15%, così da lasciare all’Eni la leadership col 35%. Questo però a patto che Cnpc si decida a sottoscrivere il piano di investimenti, come hanno già fatto, oltre a Eni gli altri partner Galp Energia, Enh e Kogas che detengono ciascuno il 10%.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]