Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni cede quota Mozambico a ExxonMobil
10/03/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni ha ceduto il 25% di Area 4, nell'offshore del Mozambico, a ExxonMobil per 2,8 miliardi di dollari (2,65 mld euro). Il Cane a sei zampe possiede indirettamente una quota del 50% attraverso una partecipazione del 71,4% in Eni East Africa, che a sua volta detiene il 70% della concessione Area 4. L’acquisizione sarà completata dopo la soddisfazione di una serie di condizioni sospensive, tra cui l’approvazione da parte dell’autorità del Mozambico e di altri enti regolatori. «Questo accordo rappresenta una prova evidente della nostra strategia di esplorazione basata sulla rapida monetizzazione delle nostre scoperte esplorative, come parte del nostro modello di dual exploration», ha dichiarato l’ad Claudio Descalzi. Il gruppo italiano continuerà a gestire il progetto Coral Floating Lng e tutte le operazioni upstream nell’Area 4, mentre ExxonMobil guiderà la costruzione e la gestione degli impianti di liquefazione di gas naturale a terra. Eni East Africa sarà quindi controllata pariteticamente da Eni ed ExxonMobil, ciascuna con il 35,7% mentre Cnpc deterrà il 28,6%.

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Intervista a Claudio Descalzi (ceo Eni): “ A Ravenna il più grande hub della C02 al mondo”

Descalzi spiega come l’emergenza del coronavirus abbia imposto un’accelerazione sulla trasformazione energetica: “dobbiamo definitivamente allontanarci dalla volatilità delle fluttuazione del prezzo del petrolio che ci sta bloccan
[leggi tutto…]

Nell’Oil&Gas l’imperativo è cambiare pelle

Non ci sono soltanto le società americane dello shale oil ad accusare il colpo della crisi, basti pensare alle svalutazioni anticipate da BP, che potrebbero raggiungere 19,5 miliardi nel secondo trimestre
[leggi tutto…]

Energia, Patuanelli e Confindustria <<Avanti investimenti e taglio costi>>

Un impulso alla transizione energetica. Con il via libera da parte del Governo a misure che potranno ridurre il nostro gap di costi nei confronti degli altri paesi, a cominciare dai settori gasivori.
[leggi tutto…]