Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni cede quota Mozambico a ExxonMobil
10/03/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni ha ceduto il 25% di Area 4, nell'offshore del Mozambico, a ExxonMobil per 2,8 miliardi di dollari (2,65 mld euro). Il Cane a sei zampe possiede indirettamente una quota del 50% attraverso una partecipazione del 71,4% in Eni East Africa, che a sua volta detiene il 70% della concessione Area 4. L’acquisizione sarà completata dopo la soddisfazione di una serie di condizioni sospensive, tra cui l’approvazione da parte dell’autorità del Mozambico e di altri enti regolatori. «Questo accordo rappresenta una prova evidente della nostra strategia di esplorazione basata sulla rapida monetizzazione delle nostre scoperte esplorative, come parte del nostro modello di dual exploration», ha dichiarato l’ad Claudio Descalzi. Il gruppo italiano continuerà a gestire il progetto Coral Floating Lng e tutte le operazioni upstream nell’Area 4, mentre ExxonMobil guiderà la costruzione e la gestione degli impianti di liquefazione di gas naturale a terra. Eni East Africa sarà quindi controllata pariteticamente da Eni ed ExxonMobil, ciascuna con il 35,7% mentre Cnpc deterrà il 28,6%.

Fonte: Italia Oggi – Red. (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]