Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, cantiere all’ultimo miglio per l’impianto green di Gela
16/09/2017 - Pubblicato in news nazionali

Per il momento vi sono solo gli operai al lavoro in un’area grande quanto un campo da calcio. Questione di mesi perché lì entro la prima metà del 2018 sorgerà lo Steam Reforming, l’impianto di produzione di idrogeno, il cuore della Green refinery che Eni sta costruendo a Gela e che sarà messa in funzione a giugno dell’anno prossimo. Il cantiere del nuovo impianto, che rappresenta la cosiddetta seconda fase della costruzione della nuova raffineria, è stato di fatto inaugurato ieri: un altro passo in avanti nell’attuazione del protocollo firmato da Eni, sindacati e istituzioni a novembre del 2014 e che prevedeva investimenti per 2,2 miliardi. Un altro pezzo forte della raffineria sarà l’impianto di pretrattamento delle biomasse che entrerà in funzione nel 2019 e che consentirà alla Bio Raffineria di utilizzare per il 100% della capacità di lavorazione materie prime di seconda generazione composte dagli scarti della produzione alimentare.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa & Territori – Nino Amadore (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]