Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, il cane a sei zampe diventa più “verde”
09/11/2015 - Pubblicato in news nazionali

Ormai da tempo il binomio non è più in contraddizione tra le compagnie petrolifere, sempre  più attente all’impatto ambientale, almeno nelle intenzioni: da anni alla tradizionale attività nell’oil&gas hanno affiancato anche la ricerca nel settore delle rinnovabili. Ora Eni ha istituio una direzione apposta, Energy Solutions, affidata a Luca Cosentino, ex direttore della società Eni Congo dal 2010 al 2013 e da novembre Executive vice president. La nuova unità nasce con l’obiettivo du supportare le attività di Eni attraverso il miglioramento delle condizioni di accesso all’energia per quei Paesi in cui il gruppo è presente, soprattutto in Africa e in Far East, garantendo il massimo contributo alla riduzione delle emissioni dirette di Co2. In linea con quanto l’amministratore delegato Claudio DEscalzi si è impegnato fare, sottoscrivendo il documento di Parigi insieme ad altri nuove Ceo delle maggiori oil company del mondo: Bg group, BP, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Saudi Armaco, Shell, Statoil e Total. 

Fonte: Corriere Economia – Francesca Basso (pag.6)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

I prezzi della CO2 alle stelle: pericoli per famiglie e imprese

Il mercato europeo dell’energia elettrica oggi è caratterizzato da un tale squilibrio da rendere inevitabile un amaro rincaro della bolletta.
[leggi tutto…]

Stoccaggi gas, prelievi record in Europa

Nell’inverno 2020-2021 raggiunta quota 720 TWh
[leggi tutto…]

Snam & C, i primi utili dal Tap

Dall’inizio dell’anno il gasdotto Tap ha già trasportato oltre 1,3 miliardi di metri cubi di gas. Ma ancora prima, nel corso del 2020, ha iniziato anche a far affluire i primi utili nelle casse degli azionisti del consorzio Tap Ag
[leggi tutto…]