Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: asse con General Electric per lo sviluppo delle rinnovabili
23/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Eni aggiunge un’altra tessera alla strategia di sviluppo delle energie rinnovabili. Ieri il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha infatti firmato un accordo quadro con General Electric per lo sviluppo di progetti nelle fonti “green” e di soluzioni ibride con focus sull’efficienza energetica. I due colossi, attraverso questo “patto”, individueranno e svilupperanno così insieme progetti di generazione elettrica da rinnovabili su larga scala. L’accordo sottoscritto ieri riguarda, come chiarisce la nota diffusa da Eni, un ampio ventaglio di possibilità: da progetti eolici onshore e offshore alla generazione ibrida gas-rinnovabili, dall’elettrificazione di asset nuovi ed esistenti ai progetti waste to energy, fino alla riconversione di asset industriali maturi o in dismissione in impianti green. A valle dell’intesa, Eni potrà dunque beneficiare dalla solida esperienza di Ge nella progettazione, realizzazione e gestione di impianti industriali oil & gas in tutto mondo, nonché sull’ampio e diversificato portafoglio di prodotti e soluzioni tecnologiche ideate dalla multinazionale statunitense nei settori dell’energia convenzionale e delle fonti rinnovabili.Eni aggiunge un’altra tessera alla strategia di sviluppo delle energie rinnovabili. Ieri il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha infatti firmato un accordo quadro con General Electric per lo sviluppo di progetti nelle fonti “green” e di soluzioni ibride con focus sull’efficienza energetica. I due colossi, attraverso questo “patto”, individueranno e svilupperanno così insieme progetti di generazione elettrica da rinnovabili su larga scala. L’accordo sottoscritto ieri riguarda, come chiarisce la nota diffusa da Eni, un ampio ventaglio di possibilità: da progetti eolici onshore e offshore alla generazione ibrida gas-rinnovabili, dall’elettrificazione di asset nuovi ed esistenti ai progetti waste to energy, fino alla riconversione di asset industriali maturi o in dismissione in impianti green. A valle dell’intesa, Eni potrà dunque beneficiare dalla solida esperienza di Ge nella progettazione, realizzazione e gestione di impianti industriali oil & gas in tutto mondo, nonché sull’ampio e diversificato portafoglio di prodotti e soluzioni tecnologiche ideate dalla multinazionale statunitense nei settori dell’energia convenzionale e delle fonti rinnovabili.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati  - Ce. Do. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]