Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni: asse con General Electric per lo sviluppo delle rinnovabili
23/11/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

Eni aggiunge un’altra tessera alla strategia di sviluppo delle energie rinnovabili. Ieri il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha infatti firmato un accordo quadro con General Electric per lo sviluppo di progetti nelle fonti “green” e di soluzioni ibride con focus sull’efficienza energetica. I due colossi, attraverso questo “patto”, individueranno e svilupperanno così insieme progetti di generazione elettrica da rinnovabili su larga scala. L’accordo sottoscritto ieri riguarda, come chiarisce la nota diffusa da Eni, un ampio ventaglio di possibilità: da progetti eolici onshore e offshore alla generazione ibrida gas-rinnovabili, dall’elettrificazione di asset nuovi ed esistenti ai progetti waste to energy, fino alla riconversione di asset industriali maturi o in dismissione in impianti green. A valle dell’intesa, Eni potrà dunque beneficiare dalla solida esperienza di Ge nella progettazione, realizzazione e gestione di impianti industriali oil & gas in tutto mondo, nonché sull’ampio e diversificato portafoglio di prodotti e soluzioni tecnologiche ideate dalla multinazionale statunitense nei settori dell’energia convenzionale e delle fonti rinnovabili.Eni aggiunge un’altra tessera alla strategia di sviluppo delle energie rinnovabili. Ieri il gruppo guidato da Claudio Descalzi ha infatti firmato un accordo quadro con General Electric per lo sviluppo di progetti nelle fonti “green” e di soluzioni ibride con focus sull’efficienza energetica. I due colossi, attraverso questo “patto”, individueranno e svilupperanno così insieme progetti di generazione elettrica da rinnovabili su larga scala. L’accordo sottoscritto ieri riguarda, come chiarisce la nota diffusa da Eni, un ampio ventaglio di possibilità: da progetti eolici onshore e offshore alla generazione ibrida gas-rinnovabili, dall’elettrificazione di asset nuovi ed esistenti ai progetti waste to energy, fino alla riconversione di asset industriali maturi o in dismissione in impianti green. A valle dell’intesa, Eni potrà dunque beneficiare dalla solida esperienza di Ge nella progettazione, realizzazione e gestione di impianti industriali oil & gas in tutto mondo, nonché sull’ampio e diversificato portafoglio di prodotti e soluzioni tecnologiche ideate dalla multinazionale statunitense nei settori dell’energia convenzionale e delle fonti rinnovabili.

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati  - Ce. Do. (pag. 33)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]