Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni nell’Artico, payback in 5 anni
07/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

Il conto alla rovescia per lo start-up di Goliat è finalmente partito. Il primo giacimento del Mare di Barents, operato da Eni con una quota del 65% (il restante 35% è dell'oil company norvegese Statoil), dovrebbe iniziare la produzione già a fine ottobre, in anticipo perciò rispetto ai tempi indicati dall’ad Claudio Descalzi, che ufficialmente ha sempre parlato di fine anno. Le autorità norvegesi hanno dato via libera. Secondo le stime degli analisti, nonostante il mini barile il gruppo potrà rifarsi degli investimenti nel Mare di Barents entro il 2020.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]