Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, altri 4 mld da cessioni E&P
09/03/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

L’ulteriore quota dell’area 4 in Mozambico che Eni sta per cedere, aprirà il nuovo filone di dismissioni previste nell’arco di piano 2017-2020, per un controvalore dai 5 ai 7 miliardi di euro. Il 60% di questi potenziali proventi arriverà tra questo e il prossimo anno, e ovviamente ci rientreranno i circa 1,7-2 miliardi di euro che fonti finanziarie indicano come controvalore per il 25% dei giacimenti offshore dell’area 4. In totale il gruppo guidato dall’ad Claudio Descalzi si aspetta di incassare dai 3 ai 4 miliardi da «ulteriori diluizioni in asset esplorativi», secondo il dual exploration model, ovvero vendita di partecipazioni in giacimenti a guida Eni, con riserve già accertate ma da portare ancora in produzione. Seguendo questa logica le prossime dismissioni potrebbero riguardare i giacimenti del Congo e del Ghana, di cui Eni detiene quote dal 60 al 70%. L’ad Descalzi ha indirettamente riconfermato ieri, in un’audizione alla commissione Attività produttive del Senato, che i tempi sono prossimi per la cessione dell’Area 4, come già aveva detto presentando a Londra, il primo marzo scorso, le linee strategiche al 2020. «Speriamo che i prossimi miliardi arrivino presto», ha detto infatti l’ad. Due miliardi di euro circa, intanto, sono assicurati con gli accordi arrivati nell’ultimo spicchio del 2016 (e quindi imputabili al vecchio piano) grazie alla vendita del 40% di Zohr, in Egitto, a BP (10%) e Rosneft (30%).

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 13)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]