Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni accende pozzi in Ghana “Tempi record”
21/05/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Dopo due anni di lavoro, Eni fa partire la produzione del pozzo situato nell’off-shore del Ghana. Questo risultato è stato ottenuto con un anticipo di tre mesi rispetto alle previsioni: «un record» sottolinea il gruppo energetico guidato dall’ad Claudio Descalzi. Il progetto offshore Cape three points block (Octp), situato in acque profonde nel bacino del Tano, a circa 60 chilometri dalla costa della Western Region, mette in produzione i campi di Sankofa Main, Sankofa East e Gye-Nyame, che comprendono complessivamente volumi per oltre 770 milioni di barili di olio equivalenti, di cui 500 milioni di barili di olio in posto e 270 milioni di barili equivalenti di gas non-associato (circa 40 miliardi di metri cubi). Il progetto include lo sviluppo dei campi a gas, la cui produzione sarà dedicata interamente al mercato domestico. Tramite un gasdotto sottomarino di 63 chilometri, il gas arriverà alle Onshore Receiving Facilities (Orf) di Sanzule, dove verrà raccolto, compresso e trasmesso sulla rete nazionale con una fornitura di circa 180 milioni di piedi cubi standard al giorno.

Fonte: Il Giornale Economia – red. (pag. 21)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]