Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Eni, 32 miliardi di investimenti. Più Egitto e Asia, meno Libia
17/03/2018 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Investimenti fino a 32 miliardi di euro, meno carbone e più chimica verde. Ma la parte del leone la faranno ancora l’esplorazione e l’estrazione di petrolio. Non il Libia dove la produzione di greggio verrà ridotta, ma in Egitto, Indonesia ed Estremo oriente. Descalzi, ad di Eni ha illustrato il piano strategico del colosso petrolifero per il 2018-2021: ‘Intendiamo spendere nel settore circa 3,5 miliardi e scoprire 2 miliardi di barili di qui al 2021 in più di 25 Paesi’. A livello geografico Eni punta sull’Egitto, dove ha consolidato la propri leadership grazie al record di produzione nell’area del deserto occidentale e allo giacimento offshore di Zohr. Dal punto di vista finanziario la forza del piano sta nell’enorme liquidità che verrà creata. Se il prezzo del petrolio (Brent) continuerà a viaggiare attorno a 60 dollari al barile, il flusso di cassa supererà gli 11 miliardi quest’anno e quello cumulato sarà di 22 miliardi nel 2018-2021. Sui temi più spinosi come la vicenda Nigeria e le presunte tangenti, l’ad cerca di gettare l’acqua sul fuoco: ‘Sono rilassato perché adesso c’è un processo e abbiamo la possibilità di spiegare quello che abbiamo fatto’.

Fonte: La Stampa, Economia&Finanza – Luca Fornovo (pag. 25)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]