Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’energia crolla tra clima fresco e sequestro dei giacimenti
14/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

L’indice della produzione di luglio è stato spinto al ribasso principalmente da due fattori: il calo della domanda elettrica per un clima meno torrido e il crollo dell’estrazione di greggio per la paralisi del Centro oli dell’Eni di Viggiano in Basilicata, sequestrato dalla magistratura di Potenza. Infatti l’Istat ha rilevato che nel mese di luglio la produzione industriale è precipitata nei settori dell’attività estrattiva e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria. Per quanto riguarda il Centro oli di Viggiano per ogni mese di chiusura degli impianti la comunità lucana ha perso di sole royalty 9 milioni di dollari, circa 7,9 milioni di euro. Solo a metà agosto si è avuto il dissequestro e Eni ha potuto riprendere a lavorare il greggio. Per quanto riguarda la produzione elettrica, il calo è dovuto soprattutto a una frenata della domanda per motivi climatici: il clima fresco ha ridotto la domanda di energia elettrica del 9,6%.

Fonte: Il Sole 24 Ore – J.G (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]