Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’energia crolla tra clima fresco e sequestro dei giacimenti
14/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

L’indice della produzione di luglio è stato spinto al ribasso principalmente da due fattori: il calo della domanda elettrica per un clima meno torrido e il crollo dell’estrazione di greggio per la paralisi del Centro oli dell’Eni di Viggiano in Basilicata, sequestrato dalla magistratura di Potenza. Infatti l’Istat ha rilevato che nel mese di luglio la produzione industriale è precipitata nei settori dell’attività estrattiva e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria. Per quanto riguarda il Centro oli di Viggiano per ogni mese di chiusura degli impianti la comunità lucana ha perso di sole royalty 9 milioni di dollari, circa 7,9 milioni di euro. Solo a metà agosto si è avuto il dissequestro e Eni ha potuto riprendere a lavorare il greggio. Per quanto riguarda la produzione elettrica, il calo è dovuto soprattutto a una frenata della domanda per motivi climatici: il clima fresco ha ridotto la domanda di energia elettrica del 9,6%.

Fonte: Il Sole 24 Ore – J.G (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]