Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa L’energia crolla tra clima fresco e sequestro dei giacimenti
14/09/2016 - Pubblicato in news nazionali

L’indice della produzione di luglio è stato spinto al ribasso principalmente da due fattori: il calo della domanda elettrica per un clima meno torrido e il crollo dell’estrazione di greggio per la paralisi del Centro oli dell’Eni di Viggiano in Basilicata, sequestrato dalla magistratura di Potenza. Infatti l’Istat ha rilevato che nel mese di luglio la produzione industriale è precipitata nei settori dell’attività estrattiva e della fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria. Per quanto riguarda il Centro oli di Viggiano per ogni mese di chiusura degli impianti la comunità lucana ha perso di sole royalty 9 milioni di dollari, circa 7,9 milioni di euro. Solo a metà agosto si è avuto il dissequestro e Eni ha potuto riprendere a lavorare il greggio. Per quanto riguarda la produzione elettrica, il calo è dovuto soprattutto a una frenata della domanda per motivi climatici: il clima fresco ha ridotto la domanda di energia elettrica del 9,6%.

Fonte: Il Sole 24 Ore – J.G (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]