Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia, corsa a chiudere le centrali oltre 60 sono ormai ferme e inutili
11/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

Esse, infatti, erano fondamentali per garantire l'equilibrio del sistema, evitare black out e sostenere la crescita industriale, si sono trasformate in un "peso" economico che zavorra i bilanci delle utility che hanno conquistato le quote di mercato lasciate libere da Enel. Se una ventina d'anni fa si è rischiato di non avere abbastanza produzione, ora ce ne sarebbe da esportare in mezza Europa. Colpa del numero eccessivo di impianti costruiti con la liberalizzazione in assenza di un piano energetico del boom delle energie rinnovabili (coprono il 40% della produzione nazionale) e dell'aumento dell'efficienza del sistema. In sostanza, abbiamo il parco di centrali a turbogas migliore d'Europa ma lo usiamo pochissimo: ci sono impiantì che l'anno scorso hanno "lavorato" meno di una settimana. L'intero sistema italiano può contare su 130 giga watt di potenza installata ma la richiesta effettiva non supera i 45/50 gigawatt. Ecco spiegato perché non entrano in esercizio nuovi impianti dal 2011 e per i prossimi tre anni è previsto l'ingresso nella rete della sola centrale di Turbigo, che il gruppo Iren sta efficientando. Nel corso dell'ultimo anno il ministero dello Sviluppo Economico ha autorizzato la chiusura di centrali per 3,7 gigawatt di potenza e fra poco dovrebbe chiudersi l'istruttoria per altri 1,4 gigawatt. Un anno fa il sottosegretario Claudio De Vìncenti aveva parlato di 41 centrali da chiudere. Ma in realtà, saranno molte di più, almeno una sessantina da chiudere dal 2017 in poi. In pratica, quasi due terzi degli impianti è di fatto inutilizzato. Il governo sta studiando la soluzione, che passa sotto il nome di "capacity market": individuare le centrali più efficienti e raggrupparle in un’ unica società partecipata dagli operatori, con cui sottoscrivere contratti per una fornitura prefissata di energia. In attesa che il provvedimento si concretizzi, il governo - con il Milleproroghe - ha prolungato i tempi con cui gli impianti dovranno adeguarsi alle nuove normative europee sui fumi di emissione. Gli operatori, comunque, si stanno organizzando. Cercando di trasformare per quanto possibile un centro di puro costo in una opportunità, per limitare i danni. Ad esempio Enel, leader di mercato, ha dato il via a un processo che la porterà a chiudere 23 centrali. Lo ha chiamato "Futur-E".

Fonte: La Repubblica, A&F

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]