Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Energia, cartiere in allarme
14/10/2015 - Pubblicato in news nazionali

Per le industrie cartarie italiane, sia quelle familiari sia le filiali di multinazionali, il rischio è sempre più concreto: trasferire l'attività fuori dal Belpaese, a causa dei costi energetici che qui continuano a salire, anziché scendere, aumentando il gap con Germania, Svezia, Finlandia e Francia. L'allarme, l'ennesimo, arriva dall'associazione dell'industria cartaria Assocarta che oggi a Lucca, all'apertura della 22esima fiera internazionale Miac sulle novità tecnologiche del settore (270 espositori, per il 40% stranieri), farà la voce grossa mettendo in fila le misure in arrivo destinate a far impennare ancor più i costi energetici, principale voce di spesa per le fabbriche di carta e cartone. Primo: l'aumento degli oneri di sistema sul gas, che scatterà dal 1° gennaio 2016 per finanziare le rinnovabili termiche, e che porterà il conto in bolletta per l'industria cartaria a superare i 200 milioni di euro all'anno. Secondo: l'insufficienza e inefficacia degli sgravi per gli energivori sull'energia elettrica. Il dito in questo caso è puntato contro la previsione di uno sconto massimo del 60%, spiega il presidente di Assocarta Paolo Culicchi, «contro uno minimo dell'85% in Germania e Francia, dove vige anche un tetto al pagamento degli oneri per le imprese energivore pari allo 0,5% del valore aggiunto, nel pieno rispetto delle linee guida sugli aiuti di Stato europei». In Italia, peraltro, lo sgravio oltre a essere insufficiente è inattuato, visto che per il 2013 la misura è congelata in assenza di fideiussione, mentre per il 2014 doveva essere versata entro settembre e lo sarà, forse, entro fine anno. «Se poi si fa efficienza e sostenibilità ambientale con l'autoproduzione, questa viene tassata anche in modo retroattivo», attacca Culicchi. Da qui l'impatto sulla competitività dell'industria cartaria italiana, che esporta il 44% della produzione (con punte del 57% per la carta per usi igienico-sanitari), che rischia di tradursi in fuga dall'Italia.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori – Silvia Pieraccini (pag. 17)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]

UE, due bandi per progetti d’interesse comune

La Commissione europea ha aperto due call for applications per progetti nell'ambito delle reti intelligenti (“smart grids”) e delle reti per il trasporto della CO2 da far rientrare nel quinto elenco di progetti d'interesse comune &nd
[leggi tutto…]