Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Emissioni, i limiti per gli impianti tra 1 e 50 MW
08/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,normativa

Il Parlamento europeo ha approvato oggi la proposta di direttiva della Commissione che introduce limiti alle emissioni di polveri, ossidi di zolfo e ossidi di azoto per gli impianti di combustione di potenza compresa tra 1 e 50 MW. "Questo provvedimento riempie un vuoto legislativo tra la direttiva ecodesign, che riguarda gli impianti più piccoli di un MW, e la direttiva sulle emissioni industriali, che riguarda quelli oltre i 50 MW”, ha detto il relatore Andrzej Grzyb. “I limiti – ha aggiunto – sono ambiziosi ma sono previste salvaguardie per gli impianti esistenti, in particolare per quelli sotto i 5 MW, di proprietà di piccole e medie imprese o di utility, spesso utilizzati per il riscaldamento di scuole, ospedali e università”. Per i nuovi impianti, i limiti entreranno in vigore fra tre anni, per quelli esistenti con potenza termica in uscita inferiore ai 5 MW, nel 2025. Per gli impianti più piccoli, quelli con potenza termica in entrata tra 1 e 5 MW, nel 2030. La direttiva dovrà ora essere approvata in via definitiva dal Consiglio dei ministri Ue. Nella Ue ci sono circa 143.000 impianti di combustione “medi” (con potenza termica in entrata tra 1 e 50 MW).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus
[leggi tutto…]

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]