Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Emissioni, i limiti per gli impianti tra 1 e 50 MW
08/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,normativa

Il Parlamento europeo ha approvato oggi la proposta di direttiva della Commissione che introduce limiti alle emissioni di polveri, ossidi di zolfo e ossidi di azoto per gli impianti di combustione di potenza compresa tra 1 e 50 MW. "Questo provvedimento riempie un vuoto legislativo tra la direttiva ecodesign, che riguarda gli impianti più piccoli di un MW, e la direttiva sulle emissioni industriali, che riguarda quelli oltre i 50 MW”, ha detto il relatore Andrzej Grzyb. “I limiti – ha aggiunto – sono ambiziosi ma sono previste salvaguardie per gli impianti esistenti, in particolare per quelli sotto i 5 MW, di proprietà di piccole e medie imprese o di utility, spesso utilizzati per il riscaldamento di scuole, ospedali e università”. Per i nuovi impianti, i limiti entreranno in vigore fra tre anni, per quelli esistenti con potenza termica in uscita inferiore ai 5 MW, nel 2025. Per gli impianti più piccoli, quelli con potenza termica in entrata tra 1 e 5 MW, nel 2030. La direttiva dovrà ora essere approvata in via definitiva dal Consiglio dei ministri Ue. Nella Ue ci sono circa 143.000 impianti di combustione “medi” (con potenza termica in entrata tra 1 e 50 MW).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]