Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Emissioni, i limiti per gli impianti tra 1 e 50 MW
08/10/2015 - Pubblicato in news internazionali,normativa

Il Parlamento europeo ha approvato oggi la proposta di direttiva della Commissione che introduce limiti alle emissioni di polveri, ossidi di zolfo e ossidi di azoto per gli impianti di combustione di potenza compresa tra 1 e 50 MW. "Questo provvedimento riempie un vuoto legislativo tra la direttiva ecodesign, che riguarda gli impianti più piccoli di un MW, e la direttiva sulle emissioni industriali, che riguarda quelli oltre i 50 MW”, ha detto il relatore Andrzej Grzyb. “I limiti – ha aggiunto – sono ambiziosi ma sono previste salvaguardie per gli impianti esistenti, in particolare per quelli sotto i 5 MW, di proprietà di piccole e medie imprese o di utility, spesso utilizzati per il riscaldamento di scuole, ospedali e università”. Per i nuovi impianti, i limiti entreranno in vigore fra tre anni, per quelli esistenti con potenza termica in uscita inferiore ai 5 MW, nel 2025. Per gli impianti più piccoli, quelli con potenza termica in entrata tra 1 e 5 MW, nel 2030. La direttiva dovrà ora essere approvata in via definitiva dal Consiglio dei ministri Ue. Nella Ue ci sono circa 143.000 impianti di combustione “medi” (con potenza termica in entrata tra 1 e 50 MW).

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]