Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Emissioni CO2, l’Europarlamento vota un taglio più ambizioso
08/10/2020 - Pubblicato in news internazionali

La lotta al cambiamento climatico continua ad avvelenare il rapporto tra le forze politiche e i Paesi membri dell’Unione Europea. I Ventisette infatti da qui alla fine dell’anno devono decidere se optare per degli obiettivi più ambiziosi nella riduzione delle emissioni nocive. A Bruxelles il Parlamento sta discutendo la posizione da tenere durante le trattative con il consiglio in materia di clima. Ieri i parlamentari hanno approvato un emendamento che introduce un obiettivo di riduzione delle emissioni del 60% nel 2030, rispetto all’attuale 40%. Tale revisione, è dettata dal desiderio dell’Unione di diventare entro il 2050 un continente neutrale in un’ottica climatica. In particolare, due paesi sono contrari a target ambiziosi, la Polonia e la Repubblica Ceca, ancora molto dipendenti dal carbone. La Corte dei Conti europea, questa settimana ha avvertito inoltre che gli obiettivi dell’Unione di riciclaggio degli imballaggi di plastica sono a rischio. Mancano gli impianti di trattamento in un contesto normativo che consente di  esportare verso Paesi non OCSE del materiale  di plastica incontaminato e preselezionato.

Fonte: Il Sole 24 Ore – Beda Romano (pag. 24)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]