Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Egitto, “decaduto” l’accordo per il Gnl di Damietta
24/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

L’accordo sottoscritto a febbraio tra Eni, Naturgy e l’Egitto per la risoluzione delle dispute sulla joint-venture Unión Fenosa Gas (Ufg) e il conseguente riavvio del terminale di liquefazione di Damietta “è decaduto”. Lo annuncia oggi Naturgy, spiegando in una nota che “ad oggi non sono state soddisfatte alcune condizioni e scadenze”. Il gruppo spagnolo non fornisce ulteriori precisazioni, ma “ribadisce la disponibilità a trovare un accordo con tutte le parti per una risoluzione amichevole della disputa su Ufg”. L’accordo siglato meno di due mesi fa prevedeva la risoluzione delle dispute e la ristrutturazione societaria di Ufg, i cui asset dovevano essere ripartiti tra Eni e Naturgy. Quest’ultima, in particolare, sarebbe uscita dall’impianto di Damietta, che sarebbe stato così controllato da Eni (50%) e dalle egiziane Egas (40%) ed Egpc (10%). Il gruppo italiano avrebbe acquisito inoltre le attività di commercializzazione di gas in Spagna di Ufg. A Naturgy sarebbero andati invece 600 mln $ più le altre attività della j.v. al di fuori dell’Egitto. La società spagnola informa che nel frattempo la decisione arbitrale dell’Icsid “segue il suo corso di esecuzione” ed è già stata omologata dalla Corte Suprema del Regno Unito.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]