Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Egitto, “decaduto” l’accordo per il Gnl di Damietta
24/04/2020 - Pubblicato in news internazionali

L’accordo sottoscritto a febbraio tra Eni, Naturgy e l’Egitto per la risoluzione delle dispute sulla joint-venture Unión Fenosa Gas (Ufg) e il conseguente riavvio del terminale di liquefazione di Damietta “è decaduto”. Lo annuncia oggi Naturgy, spiegando in una nota che “ad oggi non sono state soddisfatte alcune condizioni e scadenze”. Il gruppo spagnolo non fornisce ulteriori precisazioni, ma “ribadisce la disponibilità a trovare un accordo con tutte le parti per una risoluzione amichevole della disputa su Ufg”. L’accordo siglato meno di due mesi fa prevedeva la risoluzione delle dispute e la ristrutturazione societaria di Ufg, i cui asset dovevano essere ripartiti tra Eni e Naturgy. Quest’ultima, in particolare, sarebbe uscita dall’impianto di Damietta, che sarebbe stato così controllato da Eni (50%) e dalle egiziane Egas (40%) ed Egpc (10%). Il gruppo italiano avrebbe acquisito inoltre le attività di commercializzazione di gas in Spagna di Ufg. A Naturgy sarebbero andati invece 600 mln $ più le altre attività della j.v. al di fuori dell’Egitto. La società spagnola informa che nel frattempo la decisione arbitrale dell’Icsid “segue il suo corso di esecuzione” ed è già stata omologata dalla Corte Suprema del Regno Unito.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]