Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Efficienza energetica ad alta intensità
22/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

Probabilmente aveva ragione lo sceicco Ahmed Zky Yamani, voce ufficiale dell’Opec al tempo della crisi petrolifera degli anni ’70, quando sosteneva che l’era del petrolio non finirà per mancanza di petrolio, come l’età della pietra non finì per la mancanza di pietre. Grazie al rapido sviluppo dell’efficienza energetica, alla crescente urbanizzazione, alle nuove abitudini di mobilità e alle tecnologie di generazione da fonti rinnovabili, il “picco della domanda” sta arrivando ben prima del “picco del petrolio”. La crescita di consumi di energia, in pratica, viene ormai solo dalla Cina, dall’India e dagli altri Paesi emergenti. Le tecnologie per l’efficienza sono diventate una “fornitura virtuale”, a emissioni zero, in competizione con il petrolio, il gas, l’elettricità e le altre forme più tradizionali di consumi primari, contribuendo come e più di altre fonti energetiche a soddisfare il bisogno dei consumatori. Il settore più interessato allo sforzo di efficienza è quello delle costruzioni, dove gli investimenti globali nel 2014 hanno superato i 90 miliardi di dollari. L’altro grande ambito sono i consumi elettrici nelle industrie, che si stanno riducendo rapidamente nei Paesi sviluppati. Tra i Paesi Ocse, si stima che la Germania abbia evitato il volume più consistente di importazioni energetiche, risparmiando 30 miliardi di dollari nel 2014 e aumentando il suo surplus commerciale del 12%.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Novà – Elena Comelli (pag. 12)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]