Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Effetto Iran, petrolio oltre 77$
10/05/2018 - Pubblicato in news internazionali

La corsa del petrolio non si ferma. Il giorno dopo l’annuncio di Donald Trump di voler uscire dall’accordo sul nucleare iraniano, ieri il prezzo del greggio ha raggiunto nuovi massimi. Il Brent ha guadagnato 2,27 dollari fino a toccare 77,21 dollari (+3%), mentre il Wti è cresciuto di 2,15 dollari a 71,21 dollari (+3,1%). Nel frattempo il rendimento del Treasury Usa decennale, riflettendo il clima di incertezza, è tornato al 3%. Ieri l’Eia (Energy Information Administration) ha rivelato che le scorte di oro nero sono scese la scorsa settimana negli Usa, mentre la produzione Usa è salita a un nuovo livello record. In particolare, nella settimana che si è conclusa il 4 maggio le riserve di greggio sono diminuite di 2,2 milioni di barili a 433,8 milioni, mentre gli analisti prevedevano un aumento di 1 milione di barili. In calo anche le scorte di benzina (-2,17 milioni), scese oltre le attese (-450.000).

Fonte: MF – Ester Corvi (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Eni, rosso da 7,34 miliardi. Taglia spese, investimenti e anche il dividendo

Eni chiude il “peggior semestre nella storia dell’oil&gas”, due materie deprezzate del 57% da gennaio, con un rosso di 7,34 miliardi di euro legato molto a svalutazioni di magazzino. I conti nuovi, del secondo trimestre, sono comunqu
[leggi tutto…]

Sad e gas per usi industriali, supplemento di istruttoria

La Commissione interministeriale per lo studio e l’elaborazione di proposte per la transizione ecologica e per la riduzione dei sussidi ambientalmente dannosi (Sad) ha formulato alcune proposte normative volte a rimodulare sette Sad previsti nel rel
[leggi tutto…]

Sussidi dannosi: sul tavolo rimodulazioni di 7 Sad, ma cautela su accise gas

La commissione interministeriale sui sussidi ambientalmente dannosi ha individuato proposte per la rimodulazione di sette Sad
[leggi tutto…]