Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ecco i piani di Enel e Eni per crescere sulle rinnovabili
09/07/2017 - Pubblicato in news nazionali

Enel Green Power, la divisione energie verdi dell’Enel di Francesco Starace, è oggi presente in Europa, nella Americhe, in Asia, Africa e Oceani. Dopo aver registrato un anno record di crescita costruendo circa 2mila MW di nuova capacità prevalentemente negli Stati Uniti, in America Latina ed in Sud Africa, “prevede di investire oltre 6 miliardi per la crescita delle rinnovabili nei prossimi tre anni aumentando la capacità installata di circa 6,7 GW”, spiega Antonello Cammisecra, responsabile Egp aggiungendo che i prossimi passi saranno quelli di “sviluppare ulteriormente le attività in Sudamerica e negli Stati Uniti, dove siamo leader. Mentre in Africa e nel sudest asiatico entreremo in nuovi mercati”. Quanto ad Eni, il suo ingresso nel mondo green lo si deve all’ad Claudio Descalzi che, lo scorso anno, ha deciso di puntare su questo nuovo business creando una direzione dedicata: Energy Solution. Al di fuori dei confini nazionali sono diversi i progetti di energia rinnovabile che Eni ha in cantiere: Algeria, Egitto, Tunisia, Pakistan. Ma in prospettiva molti dei Paesi dove Eni ha una base upstream saranno oggetto di interesse: Libia, Ghana, ma anche Nigeria, Congo e Kazakhstan in Italia, l’obiettivo è quello di investire circa 250 milioni per installare 220 MW di nuova capacità entro il 2022.

Fonte: Il Giornale, Economia – Sofia Fraschini (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]

L’idrogeno dà prospettiva a Snam

Snam avrà un ruolo crescente nella transizione energetica basata anche sull’idrogeno
[leggi tutto…]

Gas, a giugno calo consumi limita i danni: -5,1%

I consumi di gas naturale nel mese di giugno registrano un nuovo calo, ma a cifra singola, con un ritorno alla normalità dei consumi civili che attenua l'impatto delle flessioni nell'industria e nel termoelettrico.
[leggi tutto…]