Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Ecco i piani di Enel e Eni per crescere sulle rinnovabili
09/07/2017 - Pubblicato in news nazionali

Enel Green Power, la divisione energie verdi dell’Enel di Francesco Starace, è oggi presente in Europa, nella Americhe, in Asia, Africa e Oceani. Dopo aver registrato un anno record di crescita costruendo circa 2mila MW di nuova capacità prevalentemente negli Stati Uniti, in America Latina ed in Sud Africa, “prevede di investire oltre 6 miliardi per la crescita delle rinnovabili nei prossimi tre anni aumentando la capacità installata di circa 6,7 GW”, spiega Antonello Cammisecra, responsabile Egp aggiungendo che i prossimi passi saranno quelli di “sviluppare ulteriormente le attività in Sudamerica e negli Stati Uniti, dove siamo leader. Mentre in Africa e nel sudest asiatico entreremo in nuovi mercati”. Quanto ad Eni, il suo ingresso nel mondo green lo si deve all’ad Claudio Descalzi che, lo scorso anno, ha deciso di puntare su questo nuovo business creando una direzione dedicata: Energy Solution. Al di fuori dei confini nazionali sono diversi i progetti di energia rinnovabile che Eni ha in cantiere: Algeria, Egitto, Tunisia, Pakistan. Ma in prospettiva molti dei Paesi dove Eni ha una base upstream saranno oggetto di interesse: Libia, Ghana, ma anche Nigeria, Congo e Kazakhstan in Italia, l’obiettivo è quello di investire circa 250 milioni per installare 220 MW di nuova capacità entro il 2022.

Fonte: Il Giornale, Economia – Sofia Fraschini (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]