Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Gli eccessi dello shale oil nel mirino di fonti attivisti
16/12/2017 - Pubblicato in news internazionali

I rialzi del petrolio hanno riacceso l’irrazionale esuberanza dello shale oil. Ma Wall Street oggi sta cercando di imbrigliarla: un numero crescente di investitori ha iniziato a fare pressioni sui frackers perché smettano di sacrificare la redditività in nome della produzione. Secondo le utlime previsioni governative gli Stati Uniti grazie allo shale oil sono avviati ad estrarre una media di 10 milioni di barili di greggio al giorno nel 2017, il massimo dal 1970. Dal 2007 a oggi tuttavia i protagonisti dello shale hanno speso 280 miliardi di dollari in più di quanti ne abbiano generati, stima Evercore Isi. Nello stesso periodo il loro valore in Borsa si è ridotto di circa un terzo, a fronte di un rialzo dell’89% per l’S&P500.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza&Mercati – Sissi Bellomo (pag. 27)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]