Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dorsale Snam, la Consulta boccia l'Abruzzo per la terza volta
26/11/2016 - Pubblicato in news nazionali,normativa

Tre leggi regionali contro la dorsale Snam, altrettanti stop della Consulta che le ha dichiarate incostituzionali, il tutto in soli quattro anni. E' il singolare primato della Regione Abruzzo che, dopo la norma del 2012 bocciata nel 2013 e quella del 2013 bocciata nel 2014, si vede ora rimandare indietro con una sentenza pubblicata oggi anche la norma del 2015 che mirava a ostacolare la realizzazione dell'impianto, da tempo oggetto di forti contestazioni locali e che tra le altre cose servirà a veicolare nella rete italiana il gas del futuro gasdotto Grecia-Albania-Italia TAP. In particolare la Consulta ha bocciato la legge regionale 13/2015 nella parte in cui stabilisce che le centrali di compressione, come quella contestata di Sulmona, possono essere realizzate solo in zona industriali dove l'impatto ambientale e il rischio sismico sono minori. Come nei casi precedenti la ragione della dichiarazione di illegittimità costituzionale risiede nel fatto che le norme riguardano una materia (produzione, trasporto e distribuzione nazionale dell'energia) soggetta a competenza concorrente tra Stato e Regione in base al Titolo V della Costituzione. L'Abruzzo non poteva quindi intervenire come se fosse una materia di sua competenza esclusiva.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]