Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente
16/02/2019 - Pubblicato in news nazionali

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica presentati dalla Provincia di Pesaro e Urbino, dalla Provincia di Perugia, dal Comune di Gubbio, dalla Lega per l’Abolizione della Caccia, dalla Mountain Wilderness Italia, dalla Federazione Nazionale pro natura e dal Gruppo d'Intervento Giuridico Onlus contro i decreti n.70 del 07.03.2011 e n.256 del 16.05.2011, con cui il Minambiente ha dato parere positivo di compatibilità ambientale (con prescrizioni) ai tronchi “Sulmona-Foligno e centrale di compressione di Sulmona” e “Foligno-Sestino”. Il CdS fa però notare che mancano notizie in merito all’esito dei giudizi proposti innanzi al Tar Lazio dal Comune di Sulmona, dal Comune di L’Aquila, dal Wwf Italia, dalla Comunità Montana Peligna, dal Comune di Pacentro, dal Comune di Pratola Peligna e dal Comune di Corfinio contro la centrale di Sulmona. Nonché riguardo ai procedimenti amministrativi avviati da Snam presso il Mise per l’autorizzazione ai due tronchi della dorsale. Il Consiglio chiede quindi al Minambiente una relazione sulle questioni in sospeso, che dovrà essere trasmessa anche “alle parti ricorrenti ed alla società contro-interessata, fissando un congruo termine per produrre eventuali repliche”.

Fonte: Quotidiano Energia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Gazprom, in gennaio-febbraio export gas -24,6%

Nei primi due mesi del 2020 il colosso russo di Stato Gazprom, monopolista delle esportazioni di gas russo via tubo, ha registrato una flessione su anno dell'export del 24,6%
[leggi tutto…]

Energia, tlc, logistica. La riscossa italiana può iniziare dalle reti

Le reti sono state le grandi protagoniste di questa prima fase di emergenza, dimostrando una notevole “resilienza”
[leggi tutto…]

Rally del petrolio con ipotesi tagli

Il mercato del petrolio è forse vicino a una svolta. Arabia Saudita e Stati Uniti hanno aperto la porta alla possibilità di tagli alla produzione, anche di grande entit
[leggi tutto…]