Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Disputa su Karachaganak. Astana pronta all’arbitrato
26/05/2016 - Pubblicato in news internazionali

Kazakhstan potrebbe ricorrere in arbitrato contro l’Eni e gli altri soci del consorzio che gestisce il giacimento di Karachaganak. L’ha dichiarato alla Reuters il ministro dell’Energia Kanat Bozumbayev, aggiungendo di temere nuove «accese trattative» anche per Kashagan, lo sfortunato giacimento petrolifero che dopo investimenti miliardari è stato fermato da un problema tecnico a pochi giorni dall’avvio della produzione nel 2013. Anche in questo caso la compagnia italiana è coinvolta, con il 16,81% della North Caspian Operating Company, che annovera tra gli altri anche Royal Dutch Shell, Exxon Mobil e Total.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza e mercati – Sissi Bellomo (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]