Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi: «Non vendiamo Eni Gas e Luce»
19/07/2017 - Pubblicato in news nazionali

Eni non ha intenzione di cedere le attività retail nel mercato del gas e dell’energia elettrica, fatte confluire in una società ad hoc, Eni Gas e Luce, operativa dal 1° luglio scorso. Ad assicurarlo ieri, a margine di un’audizione alla commissione Attività produttive della Camera sul piano strategico 2017-2020, è stato lo stesso numero uno del gruppo Claudio Descalzi. «Non solo non la venderemo ma la svilupperemo. Era in una situazione non semplicissima - ha spiegato l’amministratore delegato. Adesso l’azienda sembra che sia sulla strada giusta, ha le carte in regola per giocare un ruolo importante», ha aggiunto Descalzi precisando che svilupparla vuol dire «una joint venture o l’Ipo». Sollecitato dalle domande dei deputati, il ceo si è poi soffermato sulla situazione in Qatar al centro di una crisi con alcuni degli Stati arabi sunniti del Golfo Persico. «È una situazione preoccupante che si va ad aggiungere a ulteriori preoccupazioni. È un ulteriore problema geopolitico», ha chiarito ancora Descalzi per poi ricordare che geopolitica ed energia sono collegati. Il Qatar, ha quindi precisato, «è importante, dà il 20% del gas naturale liquefatto (lng) alla Gran Bretagna e una parte anche a noi. A Rovigo 4-5 miliardi di metri cubi l’anno arrivano dal Qatar e il fatto che sia stato messo sotto embargo dalla maggior parte dei paesi del Golfo e non, crea sicuramente dei problemi. L’Opec fa già fatica a trovare un accordo, adesso l’ha trovato con la Russia ed è un fatto straordinario, ma essendo il Qatar tra i primi operatori sul gas, potrebbe impattare anche il gas».

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Celestina Dominelli (pag. 16)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam a un passo dal gasdotto Olt

Il passaggio di mano del 49,07% del rigassificatore di Livorno, Olt Offshore Lng Toscana, è sempre più vicino
[leggi tutto…]

Effetto shock sul petrolio: il barile vola del 14%

L’attacco che ha dimezzato la produzione di petrolio dell’Arabia Saudita ha messo a nudo la vulnerabilità di un pilastro del sistema energetico mondiale
[leggi tutto…]

Riad mobilita le riserve per evitare il caro-petrolio

Oltre alle questioni relative alla sicurezza sono gli effetti economici e finanziari provocati dall’attacco alle due raffinerie saudite a preoccupare la comunità internazional
[leggi tutto…]