Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi: non ci sono sovrapposizioni con Enel
13/05/2016 - Pubblicato in news nazionali

Il piano Eni per le rinnovabili, annunciato oggi dall'a.d. Claudio Descalzi sul Corriere della Sera e precisato meglio in una nota stampa, ha tenuto banco all'assemblea degli azionisti che ha approvato il bilancio 2015 e la distribuzione del dividendo. Con Enel “non ci sono sovrapposizioni, è un business model completamente diverso”, ha voluto puntualizzare Descalzi rispondendo agli azionisti che sul progetto rinnovabili ipotizzavano una unione con Enel da parte dell'azionista Tesoro. “Vogliamo crescere organicamente come facciamo nell'upstream, non vogliamo fare acquisizioni. Non vogliamo comprare una fabbrica di fotovoltaico, non compriamo batterie”, ha aggiunto Descalzi ricordando che “Eni già adesso ha dieci milioni di clienti di cui 1,5 sono nell'elettrico, ha quasi 6 GW di capacità di ciclo combinato in Italia”. In risposta a una domanda dell'azionista Mauro Meggiolaro, in rappresentanza della finanza etica, Descalzi ha detto Eni nelle rinnovabili ha investito 500 milioni negli ultimi tre anni per sviluppare il solare avanzato e il fotovoltaico e spenderà un altro miliardo nei prossimi tre anni di cui la metà in impianti e l'altra metà nella ricerca scientifica. Sul giacimento di Kashaghan in Kazakhstan , Descalzi ha confermato che “entrerà in produzione nel secondo semestre del 2016 e confermiamo il recupero degli investimenti”. Claudio Descalzi, amministratore delegato di Eni ha risposto cosi' alle domande degli azionisti sul giacimento in Kazakhstan.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]