Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi: nessun problema di forniture gas per l’Italia
09/12/2016 - Pubblicato in news nazionali,stoccaggi

Primo: non ci saranno problemi per l’approvvigionamento gas dell’Italia nei mesi invernali. Secondo: Europa e Russia sapranno dialogare e individuare delle soluzioni. Da Bruxelles, dove ieri è volato per una serie di incontri e per partecipare a un convegno sull’energy union assieme al vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'Unione energetica, Maros Sefcovic, l’ad di Eni, Claudio Descalzi, ha voluto innanzitutto sottolineare che non ci sono rischi per la sicurezza energetica della penisola. «Nessuna preoccupazione» per le forniture di questo inverno, ha detto il top manager a margine del dibattito pubblico “Eni after six”, organizzato dallo stesso gruppo per declinare le sfide energetiche del Vecchio Continente davanti a una platea composta da rappresentanti della commissione Ue e del Parlamento europeo, nonché da stakeholder e funzionari comunitari. «Sono molto fiducioso nel vicepresidente Sefcovic e anche in Gazprom - ha chiosato Descalzi - e sono sicuro che, visto che siamo tutti parte di un’Europa molto allargata, si troveranno delle soluzioni sensate che guardino al bene di tutti, europei, russi e cittadini dell’Est Europa». La Russia, ha aggiunto, «è un attore importante e vicino. L’Europa ha bisogno della Russia perché prendiamo il gas e la Russia di noi perché lo vende in un momento di crisi: quando c’è comunità di intenti perché c’è bisogno, le soluzioni si cercano e si trovano».

Fonte: Il Sole 24Ore, Finanza&mercati – Ce. Do. (pag. 32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]