Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi (Eni): ecco il patto per il clima, così l’accordo tra dieci compagnie
17/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

«È un fatto importante che dieci compagnie che rappresentano un quinto della produzione mondiale di petrolio e gas abbiano riconosciuto l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale nel limite dei due gradi. Una volta accettato di farlo non possono non trarne tutte le conseguenze». Se a sostenerlo con convinzione è il chief executive officer del sesto gruppo petrolifero mondiale, ovvero l’Eni guidata da Claudio Descalzi, l’affermazione assume il significato di una svolta. L’industria petrolifera non gode di buona fama quanto a vocazione ambientalista: solo pochi giorni fa qualche compagnia americana è stata accusata di essere a conoscenza degli effetti delle emissioni sul clima addirittura dagli anni 80 e di aver tenuto riservate le informazioni, un po’ come le multinazionali di «Big Tobacco» sugli effetti del fumo. Ma a un mese e mezzo dalla conferenza sul clima di Parigi, Descalzi e altri nove ceo (quelli di BG group, Bp, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Saudi Aramco, Shell, Statoil e Total) si sono schierati dietro al tavolo di un hotel parigino e hanno annunciato una strategia comune sulle emissioni di CO2 e di metano, i principali gas serra.

Fonte: Corriere della Sera, Economia – Stefano Agnoli (pag. 47)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]

Petrolio, i Paesi del G7 chiedono la fine della guerra dei prezzi

Preoccupati per la discesa del prezzo del petrolio, ma soprattutto per la guerra dei prezzi in corso, i Paesi del G/ hanno rivolto un appello ai maggiori Paesi produttori “per cercare di aiutare gli sforzi per mantenere la stabilità economica
[leggi tutto…]