Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi (Eni): ecco il patto per il clima, così l’accordo tra dieci compagnie
17/10/2015 - Pubblicato in news internazionali

«È un fatto importante che dieci compagnie che rappresentano un quinto della produzione mondiale di petrolio e gas abbiano riconosciuto l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale nel limite dei due gradi. Una volta accettato di farlo non possono non trarne tutte le conseguenze». Se a sostenerlo con convinzione è il chief executive officer del sesto gruppo petrolifero mondiale, ovvero l’Eni guidata da Claudio Descalzi, l’affermazione assume il significato di una svolta. L’industria petrolifera non gode di buona fama quanto a vocazione ambientalista: solo pochi giorni fa qualche compagnia americana è stata accusata di essere a conoscenza degli effetti delle emissioni sul clima addirittura dagli anni 80 e di aver tenuto riservate le informazioni, un po’ come le multinazionali di «Big Tobacco» sugli effetti del fumo. Ma a un mese e mezzo dalla conferenza sul clima di Parigi, Descalzi e altri nove ceo (quelli di BG group, Bp, Pemex, Reliance Industries, Repsol, Saudi Aramco, Shell, Statoil e Total) si sono schierati dietro al tavolo di un hotel parigino e hanno annunciato una strategia comune sulle emissioni di CO2 e di metano, i principali gas serra.

Fonte: Corriere della Sera, Economia – Stefano Agnoli (pag. 47)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]