Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi Conti solidi, giro di vite sui costi, estrazioni record: il mix che supera la scadenza di primavera
19/12/2016 - Pubblicato in aspetti tecnici,news nazionali

È stato un anno difficile e di adattamenti obbligati che il Cane a sei zampe ha affrontato attraverso un giro di vite complessivo sui costi; l’integrazione stretta su petrolio e gas; la ristrutturazione dei business più periferici (ma con la chimica che è ancora senza soluzioni e per la quale potrebbero esserci ripensamenti); un track record invidiabile nell’esplorazione. Tutto ciò ha portato all’annunciato record della produzione di idrocarburi, che nel 2017 dovrebbe arrivare a 1,84 milioni di barili al giorno. Anche se a quanto pare il risultato al quale Descalzi tiene di più è quello di aver abbattuto la cash neutrality cioè la copertura degli investimenti con i flussi di cassa. Non si può in ogni caso tralasciare il fondamentale passaggio della scadenza del mandato di primavera.

Fonte: Corriere della sera, Corriere Economia - Stefano Agnoli (pag. 8)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Marcegaglia: “Greta o Trump, diffidiamo degli estremismi”

Il problema della transizione energetica va affrontato con pragmatismo dal momento che il mondo ancora si basa per l’60% sulle fonti fossili e in cui la domanda di energia è proiettata in aumento del 25% al 2030, quando la popolazione sar&agr
[leggi tutto…]

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]