Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Descalzi: in Adriatico da 60 anni estraiamo gas senza incidenti
18/01/2016 - Pubblicato in news nazionali

«L'Italia ha avuto un boom negli anni '50-'60 per il gas in Adriatico e disastri non ce ne sono stati. Sono tutti contenti quando troviamo il gas a Zohr, nelle acque fra Egitto e Cipro, ma se si trova a casa nostra sono tutti scontenti. Faccio fatica a capirne le ragioni, molte di queste non sono in linea con le aspettative. Non abbiamo creato disastri». Il gas estratto in Italia «copre il 10% del fabbisogno, ha una sua valenza. Potremmo arrivare al 20%. Non affrontare questo problema, non con gli slogan, ma con un approfondimento serio tra le parti lo trovo sbagliato», ha concluso. Descalzi è poi passato a parlare dell'Iran. L'ipotesi di una «sovrapproduzione» petrolifera dell' Iran, dopo l'addio alle sanzioni, a suo giudizio non è preoccupante, perché difficilmente il Paese sarà in grado a breve di immettere sul mercato una quantità tale di greggio da influenzarne concretamente il prezzo. In questo momento, infatti, nel mondo si producono circa 93,5 milioni di barili al giorno. Dunque, sempre secondo l'amministratore delegato dell'Eni, poiché la produzione di Teheran ammonterà nei prossimi anni a 500-600 mila barili non ci saranno grandi effetti sul mercato.

Fonte: Corriere della Sera, Corriere Economia

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]