Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Depositi carburanti «rompicapo»
31/03/2018 - Pubblicato in news nazionali

Non è un attacco alla nuova normativa, ma il tentativo di avviare un confronto per migliorare l’applicazione delle regole per i depositi fiscali di carburanti introdotti dall’ultima legge di bilancio. Ecco perché Assocostieri, l’associazione che riunisce le aziende operanti nella distribuzione primaria degli oli minerali, dei prodotti chimici, del Gpl e del Gnl, ha messo a punto sette proposte operative già portate all’attenzione del ministero dell’Economia, dell’Agenzia delle entrate e di quella della Dogane. “L’auspicio – spiega al Sole 24 Ore il direttore generale di Assocostieri Dario Soria – è che si arrivi a una semplificazione operativa delle norme attraverso un’ampia interlocuzione con tutti i soggetti interessati”. Sottolinea il documento dell’associazione, la trasposizione di questi orientamenti, con il ricorso a norme di difficile e complessa applicazione e a criteri per lo più quantitativi “per identificare soggetti a “rischio illegalità””, potrebbe vanificare lo spirito originario. In sostanza, spiega Soria, “il rischio è che affidandosi prevalentemente a criteri dimensionali non si finisca per combattere l’illegalità ma si deformi il mercato costruito in gran parte da operatori medio piccoli”.

Fonte: Il Sole 24 Ore, Norme e tributi – Celestina Dominelli (pag. 15)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]