Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Cuneo, produttività, debito: priorità crescita
25/05/2017 - Pubblicato in news nazionali

L’azzeramento del cuneo fiscale sull’assunzione dei giovani per i primi tre anni (pur sapendo, fin d’ora, «che dopo si dovrà ridurre per tutti»). Il rilancio dei premi di produttività «da detassare in modo strutturale» per aumentare le buste paga dei lavoratori, favorendo al tempo stesso crescita e innovazione per le aziende. Una rapida riduzione del debito «attraverso privatizzazioni, dismissioni di immobili pubblici, e utilizzando strumenti come i Matusalem bond» per renderlo più sostenibile (ed essere, poi, pronti alla fine del Qe). È nutrito il pacchetto di proposte al governo che il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, ha illustrato ieri dal palco dell’assemblea annuale degli industriali. Sul fronte dell’energia, in particolare, va ridotto il gap di costo del 30% con la media Ue; ed è necessario che il governo continui l’azione intrapresa per promuovere il made in Italy. Insomma, sulle riforme «è necessario andare avanti - chiosa il leader degli industriali -. Ma attenzione: non basta solo scriverle e approvarle in Parlamento. Bisogna poi garantire perseveranza e coerenza d’azione e fare sì che i comportamenti si adeguino alle nuove norme».

Fonte: Il Sole 24 Ore – Claudio Tucci (pag. 2)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]