Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crollo dei prezzi e zero stoccaggi Big Oil chiude i pozzi di petrolio
18/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Chiudere i pozzi. Per le Big Oil Company non è rimasta alternativa di fronte alla tempesta perfetta che ha portato i prezzi del petrolio in territorio negativo: stop agli investimenti, sospensione delle estrazioni, congelamento delle nuove esplorazioni. La chiusura dei pozzi è stata dettata sia da ragioni industriali che finanziarie. Il crollo della domanda ha causato l’esaurimento fisico degli stoccaggi, tanto che le compagnie petrolifere hanno cominciato a usare le petroliere non per trasportarlo ma come parcheggio. Una volta esaurita ogni possibilità, non è restato che fermare le produzioni, ma anche per sostenere quel minimo di dividendo per gli azionisti. Intanto ExxonMobil ha annunciato che taglierà gli investimenti del 30%, Total del 20%, mentre Eni del 25% (pari a 2 miliardi) per il 2020 e del 20-35% per l’anno prossimo (2,5-3 miliardi).

Fonte: La Repubblica, A&F – Luca Pagni (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Sussidi ambientali, fra tagli e retromarce tutte le voci sotto tiro

In queste settimane il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato di voler rincarare l’accisa del gasolio per modificare il prezzo e rendere il diesel più costoso della benzina, perché ritenuto un sussidio dannoso per l&
[leggi tutto…]

Industria ceramica in allarme: <<Arrivano costi folli per la CO2>>

Cambiano e diventano più severe le regole europee per le emissioni di anidride carbonica dell’industria
[leggi tutto…]

Cipro, il fronte del mare. Così la corsa al gas accende incubi di guerra

Dalla scoperta del gas nel 2011 l’isola di Cipro è sempre di più il terreno di confronto tra sfidanti ben più potenti dei suoi residenti, divisi  da una linea di demarcazione da oltre cinquanta anni, turco-ciprioti e greco-
[leggi tutto…]