Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crollo dei prezzi e zero stoccaggi Big Oil chiude i pozzi di petrolio
18/05/2020 - Pubblicato in news internazionali

Chiudere i pozzi. Per le Big Oil Company non è rimasta alternativa di fronte alla tempesta perfetta che ha portato i prezzi del petrolio in territorio negativo: stop agli investimenti, sospensione delle estrazioni, congelamento delle nuove esplorazioni. La chiusura dei pozzi è stata dettata sia da ragioni industriali che finanziarie. Il crollo della domanda ha causato l’esaurimento fisico degli stoccaggi, tanto che le compagnie petrolifere hanno cominciato a usare le petroliere non per trasportarlo ma come parcheggio. Una volta esaurita ogni possibilità, non è restato che fermare le produzioni, ma anche per sostenere quel minimo di dividendo per gli azionisti. Intanto ExxonMobil ha annunciato che taglierà gli investimenti del 30%, Total del 20%, mentre Eni del 25% (pari a 2 miliardi) per il 2020 e del 20-35% per l’anno prossimo (2,5-3 miliardi).

Fonte: La Repubblica, A&F – Luca Pagni (pag. 18)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]