Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crollano gli utili Shell, Conoco in rosso
05/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Tuttavia il mercato ha reagito positivamente alla decisione di mantenere invariato il dividendo agli azionisti a 1,88 dollari sia per il 2015 che per il 2016. I ricavi annuali del gruppo sono scesi dell'87% a 1,9 miliardi di dollari, il livello più basso da oltre dieci anni, mentre gli utili trimestrali hanno subito una contrazione del 44% a 1,8 miliardi. La prospettiva dell'imminente conclusione del takeover da 35 miliardi di sterline della compagnia rivale BG Group è positiva, ha detto il ceo Ben van Beurden, perché «segna l'inizio di un nuovo capitolo per Shell, una mossa che rivitalizzerà il gruppo». Il ceo ha risposto alle critiche di alcuni analisti che considerano l'acquisizione troppo costosa in questa fase difficile per il settore, dicendo che si tratta di una strategia che darà frutti sul lungo termine. Shell diventerà il secondo colosso del settore al mondo dopo Exxon. Inoltre, ha aggiunto van Beurden, Shell «sta facendo cambiamenti sostanziali, riorganizzando la divisione upstream, riducendo i costi e gli investimenti per affrontare questa fase di prezzi del petrolio più bassi».

Fonte: Il Sole 24 Ore, Finanza & Mercati

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]

Confindustria: Italia sia hub del gas. Crippa: supporto a chi si allinea al Pec

Si è svolto a Roma l'incontro tra il Comitato Energia di Confindustria e il sottosegretario allo Sviluppo economico Davide Crippa. Al centro del confronto, il Piano nazionale energia e clima e il ruolo strategico del gas naturale per la transi
[leggi tutto…]

Doppia Commessa per Saipem

Saipem si è aggiudicata nuovi contratti nel drilling offshore in Norvegia e in Medio Oriente per un totale di oltre 200 milioni di dollari.
[leggi tutto…]