Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crisi o no, è la Lettonia a mandare il gas che scalda Pietroburgo
29/04/2015 - Pubblicato in news internazionali

Nel comune di Incukalns, a una cinquantina di chilometri da Riga, il sottosuolo lettone nasconde a settecento metri di profondità un enorme serbatoio naturale nel quale la società Latvijas Gaze tiene in deposito gas proveniente con un gasdotto dalla Siberia: è il terzo più grande deposito naturale nel mondo.

Più curioso è scoprire che la Lettonia fa da deposito per alcuni Paesi della regione: l’alleata Estonia, ma anche la nemica Russia che a Incukalns stocca gas poi utilizzato in inverno a San Pietroburgo (550 chilometri a Nord­Est). I lettoni si fanno pagare profumatamente per questo servizio. La tabella­prezzi prevede per ogni mille metri cubi di gas 1,94 euro per ogni 100 chilometri di trasmissione; 5,28 euro per l’iniezione del gas nel deposito naturale; 10,52 euro a stagione per lo stoccaggio; e 0,04 euro per il recupero del gas. Il deposito può contenere fino a 4.500 milioni di metri cubi di gas.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Regno Unito, il breve addio al carbone. Entro il 2025 chiuse tutte le centrali

Il Governo inglese ha stabilito la data del 2025 per la scadenza ufficiale dell’era del carbone, ma la fine potrebbe arrivare in anticipo
[leggi tutto…]

Pec, parte la consultazione Vas

E' stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 181 del 3 agosto l'avviso con cui la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica l'avvio della consultazione per la procedura di Valutazione ambientale strategica
[leggi tutto…]

Energia, rallentano gli utili dei big. Pesa il crollo del prezzo del gas

Non è il tracollo di tre anni fa, quando le società petrolifere toccarono in Borsa i minimi storici da inizio secolo.
[leggi tutto…]