Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crisi o no, è la Lettonia a mandare il gas che scalda Pietroburgo
29/04/2015 - Pubblicato in news internazionali

Nel comune di Incukalns, a una cinquantina di chilometri da Riga, il sottosuolo lettone nasconde a settecento metri di profondità un enorme serbatoio naturale nel quale la società Latvijas Gaze tiene in deposito gas proveniente con un gasdotto dalla Siberia: è il terzo più grande deposito naturale nel mondo.

Più curioso è scoprire che la Lettonia fa da deposito per alcuni Paesi della regione: l’alleata Estonia, ma anche la nemica Russia che a Incukalns stocca gas poi utilizzato in inverno a San Pietroburgo (550 chilometri a Nord­Est). I lettoni si fanno pagare profumatamente per questo servizio. La tabella­prezzi prevede per ogni mille metri cubi di gas 1,94 euro per ogni 100 chilometri di trasmissione; 5,28 euro per l’iniezione del gas nel deposito naturale; 10,52 euro a stagione per lo stoccaggio; e 0,04 euro per il recupero del gas. Il deposito può contenere fino a 4.500 milioni di metri cubi di gas.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]