Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili
21/01/2020 - Pubblicato in news internazionali

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali. Un altolà alle ambizioni delle associaizoni ecologiste è arrivato ieri a Davos da un report della lobby petrolifera: un rapporto dell’Agenzia Internazionale dell’Energia che per la prima ha sottolineato come sia interesse primario delle compagnie attive nel settore dell’Oil&Gas quello di rafforzare gli investimenti per ridurre le emissioni nocive. Nell’”Oil&Gas Industry in Energy Transition” l’Aie evidenzia che, senza un aumento degli sforzi per rispondere ai cambiamenti climatici, l’industria petrolifera andrà incontro a una doppia minaccia sul lungo termine: sia alla sua “accettabilità sociale” sia alla sua redditività. Ma Greta è fuori strada se crede che una possibilità la richiesta che farà oggi di uno stop immediato agli investimenti nei combustibili fossili. Secondo l’agenzia, gli investimenti nell’Oil&Gas restano necessari anche nel caso non scontato di una rapida transizione verso le energie pulite: se gli investimenti nei pozzi esistenti dovessero cessare “il declino della produzione sarebbe intorno all’8% annuo, ossia maggiore di ogni plausibile calo della domanda globale”. A meno di non volere una devastante crisi energetica. Il compito più immediato, ha dichiarato il direttore esecutivo dell’Aie, Fatih Birol, sta nel ridurre le emissioni nocive derivanti dalle operazioni: “Oggi circa il 15% dei greenhouse gas vengono dai processi per estrarre petrolio e gas e portarlo ai consumatori. Buona parte di queste emissioni può essere ridotta in modo relativamente rapido e facile”. Ad esempio non sarebbe difficile ridimensionare le emissioni di metano nell’atmosfera, integrare l’utilizzo di energie rinnovabili o a basse emissioni nei nuovi progetti, investire di più nelle soluzioni più pulite. L’investimento medio delle compagnie in rinnovabili e tecnologie a basse emissioni si è limitato finora all’1% del totale del capital spending. I costi della transizione energetica si aggirano, secondo l’International Maritime Organization, tra 1.000 e 1.400 miliardi di dollari dal 2030 al 2050 per tagliare le emissioni dell’industria dello shipping navale entro il 2050.

Fonte: Il Sole 24 Ore – S. Car (pag. 4)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]