Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Crippa (Mise), così l'energia nel DL crescita
10/04/2019 - Pubblicato in news nazionali

Reblading, aggiustamenti sui certificati bianchi, scambio sul posto per la Pa, sono queste alcune delle novità sulle rinnovabili che potrebbero trovare posto nel decreto Crescita, secondo quanto annunciato dal sottosegretario allo Sviluppo con delega all'energia Davide Crippa. Il decreto Crescita punterà alle semplificazioni che dovranno essere messe in campo per gestire la fase di transizione: il Ministero ha proposto diverse norme per stimolare gli investimenti nel settore delle rinnovabili e norme finalizzate al mantenimento in vita degli impianti sia attraverso la manutenzione sia attraverso un nuovo piano di investimenti ad essi legati. Nello specifico le semplificazioni riguarderanno la produzione eolica, ovvero il reblading, per efficientare il parco eolico. L'altro tema che affronterà il decreto crescita saranno i certificati bianchi. Prevista poi una revisione del meccanismo dello scambio sul posto delle PA e c'è una proposta sul conto termico che riguarda gli investimenti negli interventi di riqualificazione energetica sulle scuole pubbliche. Su altre misure minori infine il Governo starebbe ancora lavorando. Le semplificazioni però non basteranno, l'urgenza resta il decreto di incentivazione alle fonti rinnovabili.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dalla lotta alle frodi al taglio dei sussidi

Lo chiamano “Pins”, Piano di politica economico-finanziaria per l'Innovazione e la sostenibilità, ed è la new entry annunciata nel Programma nazionale di riforma (Pnr), che servirà a organizzare tutti i piani preesist
[leggi tutto…]

Eni rivede lo scenario e annuncia rettifiche per 3,5 miliardi

Eni conferma la propria strategia di decarbonizzazione al 2050, ma dopo l’aggiornamento di fine marzo, rivede ulteriormente le proprie stime alla luce dell’emergenza coronavirus
[leggi tutto…]

Snam, sprint su rete e progetti

Se c’è un dato che più di altri racconta il potenziale di Snam sul fronte dell’idrogeno è che il 70% dei suoi metanodotti è realizzato con tubi pronti ad accoglierne il passaggio. Non a caso, ad aprile 2019, la soci
[leggi tutto…]