Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Cresce la tensione in Siria, sale il prezzo del barile
18/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

In Medio Oriente venti di guerra e prezzi del petrolio sono direttamente proporzionali: se i primi si alzano, i secondi seguono a stretto giro di posta. È stato così anche ieri quando la preoccupazione per possibili interruzioni delle forniture dopo l’intervento statunitense, britannico e francese in Siria ha fatto salire le quotazioni sui mercati asiatici. In mattinata, il barile di light sweet curde (Wti), con consegna a maggio, ha guadagnato 30 centesimi toccando i 66,52 dollari sugli scambi elettronici. Il 12 maggio il presidente americano deciderà se proseguire o meno nell’accordo sul nucleare con l’Iran. In caso di ritiro degli Usa, JpMorgan ritiene che il barile di greggio possa arrivare fino a 80 dollari. Posizione condivisa da Barclays, che si attende un rialzo delle quotazioni fino all’estate per via delle tensioni geopolitiche e una decisa correzione al ribasso nella seconda metà dell’anno. In media, le quotazioni dovrebbero registrare un moderato aumento rispetto al 2017.

Fonte: MF, Mercati – Francesco Bertolino (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio, nuovo rialzo sull’escalation di tensioni Usa-Iran

La decisione della Casa Bianca sul mancato rinnovo delle esenzioni per poter importare greggio dall’Iran ha avviato una spirale di tensione in grado di dare una nuova spinta ad un rally nelle quotazioni dell’oro nero.
[leggi tutto…]

Affondo Usa sull’Iran, impennata del petrolio

L’amministrazione Trump sbarra del tutto i cancelli internazionali al petrolio dell’Iran, eliminando le deroghe che aveva finora concesso a otto paesi tra i quali l’Italia
[leggi tutto…]

Def, il giudizio di imprese e sindacati

È in chiaroscuro il giudizio delle categorie produttive sul Def, dopo il giro di audizioni di ieri presso le commissioni Bilancio di Camera e Senato. Gli industriali apprezzano i “due decreti approvati ma non ancora pubblicati (così de
[leggi tutto…]