Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Cresce la tensione in Siria, sale il prezzo del barile
18/04/2018 - Pubblicato in news internazionali

In Medio Oriente venti di guerra e prezzi del petrolio sono direttamente proporzionali: se i primi si alzano, i secondi seguono a stretto giro di posta. È stato così anche ieri quando la preoccupazione per possibili interruzioni delle forniture dopo l’intervento statunitense, britannico e francese in Siria ha fatto salire le quotazioni sui mercati asiatici. In mattinata, il barile di light sweet curde (Wti), con consegna a maggio, ha guadagnato 30 centesimi toccando i 66,52 dollari sugli scambi elettronici. Il 12 maggio il presidente americano deciderà se proseguire o meno nell’accordo sul nucleare con l’Iran. In caso di ritiro degli Usa, JpMorgan ritiene che il barile di greggio possa arrivare fino a 80 dollari. Posizione condivisa da Barclays, che si attende un rialzo delle quotazioni fino all’estate per via delle tensioni geopolitiche e una decisa correzione al ribasso nella seconda metà dell’anno. In media, le quotazioni dovrebbero registrare un moderato aumento rispetto al 2017.

Fonte: MF, Mercati – Francesco Bertolino (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Riad: <<Chi punta contro il petrolio si farà male>>

Da un lato la domanda di petrolio che fatica a recuperare i livelli pre Covid, dall’altro le disciplina sui tagli di produzione che dopo mesi di estremo rigore è tornata a vacillare.
[leggi tutto…]

Ets, assegnazioni gratuite nel mirino

Tempo di ripensamenti per le allocazioni gratuite Ets, il sistema disegnato per contrastare la rilocalizzazione delle industrie europee al di fuori della Ue a causa dei costi della CO2
[leggi tutto…]

Transizione energetica non indolore

L’energia è al centro delle politiche dell’Unione europea, negli anni integrata dall’ambiente
[leggi tutto…]