Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il crac dello shale oil minaccia il mercato corporate mondiale
22/03/2020 - Pubblicato in news internazionali

E’ nelle pianure del Texas la miccia che potrebbe far esplodere la bomba del debito corporate. Le emissioni delle società dello shale oil sono la parte più tossica del mercato obbligazionario e oggi il loro valore è quasi azzerato. Anni di denaro facile hanno fatto accumulare al settore dello shale oil 175 miliardi di dollari di debiti spazzatura, per cui molti operatori faticano anche solo a pagare gli interessi. I problemi ovviamente riguardano anche le banche che hanno concesso prestiti per 300 miliardi di dollari. L’amministrazione Usa sta cercando in ogni modo di salvare il settore petrolifero: addirittura sono allo studio tagli di produzione in stile Opec.

Fonte: Il Sole 24 Ore- Sissi Bellomo (pag. 11)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Idrogeno, piano da 3,19 miliardi su più livelli

Il sogno dell’idrogeno inizia a diventare realtà con il PNRR che delinea il percorso di sviluppo del settore in Italia lungo quattro direttrici
[leggi tutto…]

Transitgas, Eni offre capacità per l'anno termico 2021-22

Eni SpA offrirà capacità di trasporto gas dalla Francia all'Italia attraverso il gasdotto svizzero Transitgas dal 1 ottobre 2021 al 1 ottobre 2022 attraverso aste a turno unico secondo la regola del prezzo marginale.
[leggi tutto…]

UE, prossima settimana via libera ai primi Pnrr

Già la prossima settimana la Commissione europea avvierà l'approvazione dei primi piani nazionali per l'adozione da parte del Consiglio
[leggi tutto…]