Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I cowboy battono i sauditi nell’ultima sfida sull’oro nero
09/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

La guerra del petrolio la stanno perdendo i sauditi e la stanno vincendo i cowboy americani che hanno cavalcato la rivoluzione dello shale, il greggio estratto dalla frantumazione delle rocce. Riad ha fatto tutte le mosse giuste per mettere in ginocchio la produzione dei suoi avversari texani. Ma non ha capito che la loro forza non stava nei barili di greggio. Piuttosto nella profondità, nella flessibilità, nella sofisticazione della finanza dietro quei barili. I sauditi hanno vinto sui pozzi, ma hanno perso in banca. Riad e gli altri componenti dell’Opec hanno razionalizzato la produzione per smaltire l’eccesso di offerta sul mercato, ma i texani si sono presentati, pronti a rubare le quote di mercato. Gli americani ci stono riusciti grazie ai finanziamenti per gli investimenti; dal 2007 al 2014 sono stati rastrellati, fra obbligazioni e prestiti bancari, 860 miliardi di dollari; negli ultimi due anni, con i prezzi del barile ai minimi, le 60 imprese più importanti hanno raccolto capitale per 70 miliardi.

Fonte: La Repubblica, Economia – Maurizio Ricci (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Petrolio volatile in attesa di G20 e Opec

Le nuove sanzioni Usa contro l’Iran non hanno smosso i mercati petroliferi.
[leggi tutto…]

Dal gas alle reti, quattro mine sul Piano energia

La campanella suonerà il 31 dicembre quando tutti i paesi Ue dovranno presentare la versione definitiva dei Piani nazionali per l’energia e il clima
[leggi tutto…]

Phase out La Spezia, i sindacati: conversione a gas ed essenzialità

Per la prima volta tutti i partecipanti al tavolo del phase out (tranne il ministero dello Sviluppo economico) si incontreranno in pubblico per parlare della centrale a carbone di La Spezia.
[leggi tutto…]