Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I cowboy battono i sauditi nell’ultima sfida sull’oro nero
09/04/2017 - Pubblicato in news internazionali

La guerra del petrolio la stanno perdendo i sauditi e la stanno vincendo i cowboy americani che hanno cavalcato la rivoluzione dello shale, il greggio estratto dalla frantumazione delle rocce. Riad ha fatto tutte le mosse giuste per mettere in ginocchio la produzione dei suoi avversari texani. Ma non ha capito che la loro forza non stava nei barili di greggio. Piuttosto nella profondità, nella flessibilità, nella sofisticazione della finanza dietro quei barili. I sauditi hanno vinto sui pozzi, ma hanno perso in banca. Riad e gli altri componenti dell’Opec hanno razionalizzato la produzione per smaltire l’eccesso di offerta sul mercato, ma i texani si sono presentati, pronti a rubare le quote di mercato. Gli americani ci stono riusciti grazie ai finanziamenti per gli investimenti; dal 2007 al 2014 sono stati rastrellati, fra obbligazioni e prestiti bancari, 860 miliardi di dollari; negli ultimi due anni, con i prezzi del barile ai minimi, le 60 imprese più importanti hanno raccolto capitale per 70 miliardi.

Fonte: La Repubblica, Economia – Maurizio Ricci (pag. 22)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Cioffi (Mise) al Consiglio Ue: “Serve una carbon tax”

“Se vogliamo essere competitivi forse dovremmo ricominciare a pensare a una carbon tax che ci permetta di avere una specificità dell’Europa rispetto ad altri Paesi”.
[leggi tutto…]

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]