Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Costo del debito alle stelle per le società dello shale oil
11/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Per le indebitatissime società dello shale oil procurarsi denaro non è mai stato così caro e così difficile. I rendimenti delle obbligazioni spazzatura emesse dal settore hanno superato per la prima volta nella storia il 20%, un livello ben oltre quello toccato al culmine della crisi del 2008-2009 (all’epoca si era arrivati al 17%). Il 9,5% dei prestiti che gli istituti di credito Usa hanno concesso al settore (che in tutto ammontano a 9.500 miliardi di dollari) erano stati classificati come non performanti, in un’indagine realizzata a novembre dalle autorità di vigilanza. Bank of America stima che le già martoriate banche europee rischino potenziali perdite per 27 miliardi di dollari in relazione a crediti concessi a società energetiche. L’anno scorso sono andati in bancarotta ben 42 produttori di petrolio e gas americani, con debiti totali di 17 miliardi di dollari. A questi si aggiungono un’altra quarantina di piccole società che operano nei servizi all’industria petrolifera, in questo caso con debiti per 5 miliardi, secondo lo studio legale Haynes & Boon, che sta monitorando il fenomeno e che prevede un’intensificazione dei ricorsi al Chapter 11. Finora le difficoltà finanziarie non si sono tradotte in un sensibile ribasso della produzione di shale oil: anzi, spesso le compagnie hanno accelerato le estrazioni per riuscire ad onorare gli interessi sul debito.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag.32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Ets, consultazione Ue sul “Fondo per la modernizzazione”

La Commissione europea ha avviato una consultazione sulla proposta di regolamento che stabilisce le regole di funzionamento del Fondo europeo per la modernizzazione, previsto dalla riforma dell'Ets del 2015
[leggi tutto…]

Tariffe gas tedesche, Confindustria: “La Ue rischia la germanizzazione”. Patuanelli: “Inaccettabile”

Proprio nel giorno in cui Confindustria rilancia alla Camera l’allarme sui possibili aumenti del prezzo del gas conseguenti alle nuove tariffe di trasporto tedesche, il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, le ha definite “ina
[leggi tutto…]

Sarraj: “Senza petrolio crisi catastrofica”

Pur con la guerra civile da ormai 9 anni, la produzione di petrolio finora si era mantenuta costante e ha permesso al governo, anzi ai due governi della Lobia, di continuare a funzionare, pagare i dipendenti pubblici e le milizia impegnate nei combattimen
[leggi tutto…]