Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Costo del debito alle stelle per le società dello shale oil
11/02/2016 - Pubblicato in news internazionali

Per le indebitatissime società dello shale oil procurarsi denaro non è mai stato così caro e così difficile. I rendimenti delle obbligazioni spazzatura emesse dal settore hanno superato per la prima volta nella storia il 20%, un livello ben oltre quello toccato al culmine della crisi del 2008-2009 (all’epoca si era arrivati al 17%). Il 9,5% dei prestiti che gli istituti di credito Usa hanno concesso al settore (che in tutto ammontano a 9.500 miliardi di dollari) erano stati classificati come non performanti, in un’indagine realizzata a novembre dalle autorità di vigilanza. Bank of America stima che le già martoriate banche europee rischino potenziali perdite per 27 miliardi di dollari in relazione a crediti concessi a società energetiche. L’anno scorso sono andati in bancarotta ben 42 produttori di petrolio e gas americani, con debiti totali di 17 miliardi di dollari. A questi si aggiungono un’altra quarantina di piccole società che operano nei servizi all’industria petrolifera, in questo caso con debiti per 5 miliardi, secondo lo studio legale Haynes & Boon, che sta monitorando il fenomeno e che prevede un’intensificazione dei ricorsi al Chapter 11. Finora le difficoltà finanziarie non si sono tradotte in un sensibile ribasso della produzione di shale oil: anzi, spesso le compagnie hanno accelerato le estrazioni per riuscire ad onorare gli interessi sul debito.

Fonte: Il Sole 24 Ore Finanza & Mercati – Sissi Bellomo (pag.32)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]

Sanzioni Usa e caso Navalny, Nord Stream 2 torna nel mirino

Doppio attacco al Cremlino, nel pomeriggio di ieri. Il primo è partito dalla Casa Bianca nelle ultimissime ore dell’amministrazione Trump, che ha sganciato il suo siluro finale sul Nord Stream 2
[leggi tutto…]