Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Costi luce e gas, correzioni alla Camera
25/06/2015 - Pubblicato in news nazionali

Marcia a fatica il Ddl concorrenza alla Camera. Il provvedimento è ancora alla fase delle audizioni nelle commissioni competenti e finora ha ricevuto una lunga serie di stroncature da parte di numerose associazioni e soggetti di categoria interessati. In Parlamento, si vocifera, c’è già chi vorrebbe mandarlo alle calende greche e anche per questo a fine giugno è previsto un intervento davanti alle commissioni congiunte del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, che proverà a difendere le ragioni del testo ricordando che le liberalizzazioni rientrano tra le riforme chieste con urgenza all’Italia dalla Ue. Non sarà un cammino facile, ma il Ddl - stando alle prime indicazioni raccolte - potrebbe avere proprio l’energia tra i principali temi di intervento in Parlamento, con l’obiettivo di garantire quella “gradualità” invocata ieri sia da Bortoni sia dal presidente dell’Antitrust Giovanni Pitruzzella, ascoltato dalle commissioni parlamentari. Sull’abolizione del regime di maggior tutela per gas ed elettricità a partire dal 1° gennaio 2018, Pitruzzella ha sottolineato l’importanza di inserire in Parlamento un «programma di uscita scansionata di tutti i consumatori dal regime di tariffe regolamentate». 

Fonte: Il Sole 24 Ore, Impresa e territori

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]

Gas, l'Egitto lancia la sfida

Eni e Shell hanno affermato apertamente che l'Egitto è l'opzione più economica per portare sul mercato le gigantesche riserve di gas del Mediterraneo orientale, un'opzione preferibile al progetto di maxigasdotto Cipro-Grecia E
[leggi tutto…]

Eni avanza ancora nel gas libico

La spagnola Repsol è stata costretta a dichiarare lo stato di forza maggiore per il suo giacimento di Sharara.
[leggi tutto…]