Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Così Teheran rassicura Eni & Co
03/10/2017 - Pubblicato in news internazionali,news nazionali

Eni e Shell si stanno riavvicinando a Teheran con molta cautela. Così Nioc, la compagnia petrolifera iraniana, ha deciso di passare all’azione provando a rassicurare chi teme un nuovo embargo dopo le esternazioni del presidente Usa sulla legittimità dell’accordo per il nucleare. E per farlo, si affida alle dichiarazioni di Elizabeth Rosenberg, ex advisor del Dipartimento del Tesoro Usa in materia di sanzioni e attuale responsabile  Energia, Economia e Programma di Sicurezza del Cnas (Center for New American Security). “Gli Stati Uniti non potranno bloccare di nuovo le esportazioni di petrolio da parte di Teheran, né riportare il mercato alle condizioni pre-2015, quando era ancora in vigore l’embargo”, scrive Rosenberg. Il parere, riportato integralmente da Nioc, è che senza il supporto di Europa, Cina e Russia, gli Usa non saranno in grado di chiudere nuovamente i contratti con l’Iran. L’intendo di Nioc è scongiurare dietrofront, soprattutto da parte di oil company, come Eni e Shell, che a differenza di Total non hanno firmato accordi vincolanti.

Fonte: MF – Angela Zoppo (pag. 7)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]