Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa “Così l’Italia rischia il ruolo di hub delle forniture nel Mediterraneo”
17/12/2015 - Pubblicato in news internazionali

La politica energetica dell'Unione europea manca di uniformità e c'è chi gioca su due tavoli. Ma attenzione a non commettere l'errore di penalizzare l'Italia e la sua posizione al centro del Mediterraneo, vicina alle nuove rotte del gas che nei prossimi anni consentiranno la diversificazione degli approvvigionamenti per l'Europa». Non è sorpreso, perché è già accaduto in passato. Ma, di sicuro, non l'ha presa bene. Perché Carlo Malacarne, da cinque anni alla guida del gruppo Snam, da tempo sta lavorando per la realizzazione di una rete del gas europea Alleato alla società belga Fluxys, Snam è diventata leader nella gestione dei tubi che distribuiscono metano in tutto il Vecchio Continente: una rete che comprende infrastrutture in Germania, Austria e Svizzera, in Belgio e nel sud della Francia e di cui fa parte anche l'Interconnector, il tubo che passa sotto la Manica e da cui arriva il gas del Mare del Nord. Ma il progetto a cui sta lavorando Snam è ancora più strategico: è entrato come socio nel progetto Tap, che porterà in Italia il metano dell'Azerbaijan. L'idea è quello di trasformare l'Italia in un "ponte" del gas in arrivo da Asia e Africa e farlo arrivare nell'Europa settentrionale. Un progetto appoggiato dalla Ue. Almeno fino a ora.

Fonte: La Repubblica, R2 – Luca Pagni (pag. 36)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Dorsale adriatica Snam, il CdS chiede informazioni al Minambiente

Il Ministero dell’Ambiente ha inviato nell’ottobre 2013 e nel maggio 2015 due richieste di parere in merito a due ricorsi straordinari al Presidente della Repubblica
[leggi tutto…]

Eni, l’upstream spinge gli utili. Produzione ai massimi storici

Sfruttando il contributo del quarto trimestre, Eni manda in archivio i conti con un preconsuntivo sopra le stime degli analisti e conferma un dividendo 2018 di 83 cent (a fronte degli 80 dell’anno prima).
[leggi tutto…]

Direttiva gas, trattamento diverso per gasdotti esistenti e nuovi

La nuova direttiva gas richiederà anche all'Italia di definire deroghe per i propri gasdotti col Nordafrica ma dovrebbe trattarsi di un passaggio semplice, che non richiederà lo scrutinio della Commissione previsto per i nuovi prog
[leggi tutto…]