Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Il conto di Kashagan a Eni & Co
30/06/2015 - Pubblicato in news internazionali

Da un lato la firma di un accordo che conferma gli ottimi rapporti d'affari tra l'Eni   e il Kazakhstan. Dall'altra i costi che lievitano per il riavvio del giacimento di Kashagan, bloccato da ottobre 2013 dopo una fuga di gas. La sostituzione di tutte le tubature, un lavoro da 1,8 miliardi di dollari affidato a Saipem, è già partita ma restano le preoccupazioni sui tempi espresse dal presidente kazako, Nursultan Nazarbayev. La nota ufficiale del Cane a sei zampe riferisce dell'intesa firmata sabato scorso all'Expo dall'ad di Kmg (KazMunayGas), Sauat Mynbayev, e dall'ad Eni  , Claudio Descalzi, per il trasferimento all'Eni   del 50% dei diritti di sfruttamento del blocco di Isatay, nel Mar Caspio. Il trasferimento avverrà nei prossimi mesi, dando seguito a un accordo strategico sottoscritto esattamente un anno fa, e che prevede anche lo sviluppo congiunto di un cantiere navale a Kuryk.

Fonte: MIlano Finanza 

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Libia, resta forte la morsa di Haftar sui pozzi petroliferi

Continua, anche dopo Berlino, il gioco al rialzo del generale Haftar che non allenta la presa su porti e produzione di petrolio
[leggi tutto…]

Crisi energetica in caso di stop a investimenti nelle fossili

Anche se finanza, industria e governi promettono di fare passi in avanti sul tema della sostenibilità, gli ambientalisti esigono impegni ben più radicali
[leggi tutto…]

Tremila metri sotto i mari in cerca di petrolio

L’azienda petrolifera francese Total inizierà entro la fine del mese di gennaio la perforazione del più profondo pozzo di greggio al mondo sotto il livello del mare
[leggi tutto…]