Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I consumi e l’Opec spingono la rimonta del petrolio
13/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’oro nero ha aggiornato i massimi degli ultimi due anni. Il Wti, quotazione di riferimento per il mercato americano, viene scambiato a 56,6 dollari al barile, mentre il Brent ha da tempo superato quota 60 e viene negoziato a 63,7. Dopo il crollo del 2015, che portò le quotazioni da oltre 100 dollari al barile sino a dei minimi di  28 dollari ad inizio 2016, i prezzi hanno intrapreso un percorso di lento ma progressivo recupero. Alla base della ripresa vi sono le aspettative per un domanda di petrolio in crescita grazie alla ripresa economica mondiale. Ha anche giocato un ruolo chiave l’Opec, il cartello dei produttori, che si è ripetutamente mosso per frenare la produzione di petrolio e limitare l’eccesso di offerta che ha caratterizzato gli ultimi anni.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Snam accompagna Pechino nella transizione verso la neutralità carbonica

Obiettivo decarbonizzazione. In Cina il percorso della transizione energetica, spinto negli ultimi anni dall’obiettivo di migliorare la qualità dell’aria, ha subito un’accelerazione negli ultimi mesi del 2020, con l’impegno
[leggi tutto…]

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]