Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I consumi e l’Opec spingono la rimonta del petrolio
13/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’oro nero ha aggiornato i massimi degli ultimi due anni. Il Wti, quotazione di riferimento per il mercato americano, viene scambiato a 56,6 dollari al barile, mentre il Brent ha da tempo superato quota 60 e viene negoziato a 63,7. Dopo il crollo del 2015, che portò le quotazioni da oltre 100 dollari al barile sino a dei minimi di  28 dollari ad inizio 2016, i prezzi hanno intrapreso un percorso di lento ma progressivo recupero. Alla base della ripresa vi sono le aspettative per un domanda di petrolio in crescita grazie alla ripresa economica mondiale. Ha anche giocato un ruolo chiave l’Opec, il cartello dei produttori, che si è ripetutamente mosso per frenare la produzione di petrolio e limitare l’eccesso di offerta che ha caratterizzato gli ultimi anni.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Elettricità e gas, i numeri UE sul primo trimestre

La combinazione delle misure di confinamento per la pandemia e di condizioni meteorologiche insolitamente buone ha determinato un'estrema volatilità nel primo trimestre 2020 sui mercati europei dell'energia
[leggi tutto…]

Energia, l’idrogeno al 13-14% nel mix europeo entro il 2050

Sullo sfondo c’è l’obiettivo di decarbonizzare l’economia europea, traguardo che verrà raggiunto anche tramite l’idrogeno, che dovrebbe crescere nel mix energetico fino al 13-14% da qui al 2050 puntando soprattutto su
[leggi tutto…]

Ad agosto arriva il gas in Puglia. Turisti sulle spiagge del Tap

Il metano che viene estratto dal Mar Caspio fino alla settimana scorsa arrivava sui monti del Pindo al confine tra la Grecia e l’Albania
[leggi tutto…]