Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa I consumi e l’Opec spingono la rimonta del petrolio
13/11/2017 - Pubblicato in news internazionali

L’oro nero ha aggiornato i massimi degli ultimi due anni. Il Wti, quotazione di riferimento per il mercato americano, viene scambiato a 56,6 dollari al barile, mentre il Brent ha da tempo superato quota 60 e viene negoziato a 63,7. Dopo il crollo del 2015, che portò le quotazioni da oltre 100 dollari al barile sino a dei minimi di  28 dollari ad inizio 2016, i prezzi hanno intrapreso un percorso di lento ma progressivo recupero. Alla base della ripresa vi sono le aspettative per un domanda di petrolio in crescita grazie alla ripresa economica mondiale. Ha anche giocato un ruolo chiave l’Opec, il cartello dei produttori, che si è ripetutamente mosso per frenare la produzione di petrolio e limitare l’eccesso di offerta che ha caratterizzato gli ultimi anni.

Fonte: La Stampa – Carlo Alberto De Casa (pag. 19)

Tag Clouds

 

Ultime notizie

Forniture gas, la Polonia vince l’arbitrato con la Russia

Al termine di una disputa legale durata cinque anni, il Tribunale arbitrale di Stoccolma ha accolto le tesi della polacca Pgnig, che nel 2015 aveva presentato ricorso contro Gazprom per i termini di prezzo del contratto di fornitura gas di lungo-termine f
[leggi tutto…]

Idrogeno verde, per la competitività servono 150 mld $ in 10 anni

L'idrogeno verde, prodotto per elettrolisi dall'acqua attraverso elettricità da fonte rinnovabile, è una strada promettente, ma per renderlo economicamente sostenibile – con un costo di un dollaro al kg – servono incent
[leggi tutto…]

Snam, dal Golfo alla Cina

Due anni fa Snam si è aggiudicata la gara per la privatizzazione di Desfa, la società dei gasdotti in Grecia
[leggi tutto…]