Rassegna Stampa

Home Rassegna Stampa Consumi gas, fiammata in novembre Il 2015 chiuderà in aumento dell'8-9%
02/12/2015 - Pubblicato in news nazionali

Aumento a due cifre per i consumi di gas a novembre, grazie al freddo e alla domanda termoelettrica sostenuta da una frenata dalle centrali idroelettriche, fattori che hanno più che compensato i deboli consumi industriali. E' quanto emerge dal servizio mensile su domanda e offerta della Staffetta Quotidiana. Analizzando la domanda per settore di consumo, per le centrali l'aumento dei consumi è stato di quasi il 20% (+19,8%) a 1.794,7 mln mc, in aumento del 6% anche sul 2013. Piccolo balzo anche per i consumi civili in aumento del 14,5% a 3.298,5 mln mc (rispettivamente +14,5% e -1,6%). Peggiora ancora invece l'industria che con 1.103,4 mln mc flette del 3% sul 2014 e dell'6,4% sul 2013. Passando all'offerta, all'aumento dei consumi si è accompagnato un incremento anche più pronunciato delle importazioni. Nello specifico l'import è aumentato di circa 700 mln mc o del 16,3% a 5.024,7 mln mc (+2,7% sul 2013). La produzione nazionale si è ridotta del 7% a 523,6 mln mc (-11% sul 2013). In aumento le erogazioni nette da stoccaggi del 13,2% a 925,8 mln mc (-3,7% sul 2013). Secondo Gas Storage Europa al 30 novembre gli stoccaggi italiani erano pieni al 92% contro il 97% del 1 novembre e una media del 78,45% dell'Ue28.

Fonte: Staffetta Quotidiana

Tag Clouds

 

Ultime notizie

L’Asia è senza gas l’Europa si salva l’Italia ringrazia il Tap

Non c’è mica stato solo il Covid: a luglio ondata di caldo in Asia che fa crescere la domanda di energia per il condizionamento; a settembre un uragano in Camerun, uno dei maggiori produttori di gas, rallenta la produzione di Gnl che alimenta
[leggi tutto…]

Kerry: <<Europa e Usa insieme su Green deal e lotta al virus>>

Le due grandi sfide della green economy e della pandemia richiedono una risposta congiunta di Europa e Stati Uniti. Ora, con Biden alla Casa Bianca, tutto sarà più facile ma solo se si seguirà la strada della democrazia e della difesa
[leggi tutto…]

Petrolio, con Biden lo shale perde anche l’appoggio politico

Indifferente al cambio della guardia alla Casa Bianca, il petrolio continuala sua avanzata sui mercati finanziari, dove si mantiene ai massimi da quasi un anno, vicino a 57 dollari nel caso del Brent, e intorno a 54 nel caso del Wti.
[leggi tutto…]